fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Fondazione comunitaria VdA: un ponte tra risorse e idee

Nella mattinata di martedì 29 maggio, la Fondazione comunitaria Valle d’Aosta ha presentato il Bilancio di missione 2017.

Il consueto Rapporto annuale delle attività quest’anno è stato trasformato in un Bilacio di missione: “Questo rappresenta il primo passo verso la predisposizione del Bilancio sociale, uno strumento utile a concretizzare quanto predisposto dalla riforma del terzo settore” ha spiegato Luigino Vallet, presidente della Fondazione.
Il segretario generale Giancarlo Civiero ha commentato: “A dieci anni dalla sua nascita, la Fondazione è cresciuta notevolmente. Non solo è aumentato il numero delle iniziative, ma si è anche allargato il ventaglio tematico delle nostre azioni. Non puntiamo più solo al welfare, oggi vogliamo dedicarci anche alla cultura, all’arte e all’ambiente“.
La Fondazione comunitaria, nel 2017, ha assegnato risorse a progetti di utilità sociale per 123 mila 452 euro: 42 mila 403 euro hanno finanziato tredici progetti (con risorse della Fondazione), mentre altri dieci progetti sono stati sostenuti con risorse dei Fondi patrimoniali e correnti (per 81 mila 49 euro).
Per quanto riguarda le entrate, la raccolta totale del 2017 ammonta a 230 mila 793 euro, di cui 80 mila donati dalla Compagnia di San Paolo; 11 mila 797 euro di liberalità per progetti; 128 mila 339 euro di liberalità a Fondi per disponibilità; 4 mila 153 euro di liberalità di gestione; 4 mila 683 euro derivanti dal contributo 5xmille. Il segretario generale ha poi specificato che “il patrimonio netto, costituito dal Fondo di dotazione, dal Fondo buone azioni e dai Fondi patrimoniali istituiti, ammonta a 634 mila 297 euro.
Nel corso dell’anno passato, inoltre, sono stati aperti due nuovi fondi: il Fondo per la salvaguardia e la valorizzazione dei beni culturali e della Collegiata Saint-Gilles, e il Solidal..monte.
Dopo aver fornito tutti i dati numerici relativi al Bilancio di missione, Luigino Vallet ha affermato che, nel corso del 2017, “abbiamo intrapreso tre azioni strategiche: la prima riguarda la promozione della campagna lasciti, la seconda dedicata al “Dopo di noi” (sostegno alle famiglie con figli affetti da gravi disabilità) e, infine, la Youth Bank“. La Youth Bank è un sistema di finanziamento  per progetti ideati e presentati da giovani tra i 15 e i 25 anni, con un’assegnazione di 30 mila euro.
In conclusione, Giancarlo Civiero ha ricordato: “Il nostro obiettivo è sempre quello di diffondere la cultura del dono. Il messaggio che vogliamo trasmettere è che, collaborando tutti insieme, è possibile risolvere i problemi“.

Potrebbe interessarti:

© 2019 All rights reserved.