fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Concluso il viaggio della memoria 2019

Gli studenti, vincitori del concorso L’Europa di domani — Oltre i confini: dalle politiche fra gli Stati nazionali alla concezione ed alla creazione dell’Unione Europea (1939-1957). Idee e progetti dalla Seconda Guerra mondiale alla ricostruzione nel dopoguerra, hanno visitato il Ghetto e la Fortezza di Terezin, vicino a Praga, il centro di Cracovia, il ghetto ebraico, il museo fabbrica di Oskar Schindler e i campi di concentramento e di sterminio di Aushwitz e di Birkenau.
Nel corso del viaggio, i ragazzi sono stati coinvolti in laboratori didattici, secondo un preciso percorso di educazione pensato per accompagnare le giovani generazioni alla scoperta e alla comprensione della complessità del mondo che ci circonda a partire dal passato e dalle sue narrazioni: durante le visite, gli studenti si sono confrontati con una realtà conosciuta finora solo attraverso i testi scolastici e hanno approfondito il tema della deportazione e della persecuzione degli ebrei, delle comunità rom e delle altre minoranze.
Il viaggio è stato organizzato dalla Regione autonoma Valle d’Aosta in collaborazione con l’Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea in Valle d’Aosta, al quale hanno partecipato 38 studenti del Liceo classico, artistico e musicale, del Liceo delle scienze umane e scientifico Regina Maria Adelaide di Aosta e all’Istituzione scolastica di istruzione liceale, tecnica e professionale di Verrès.
Giovedì 11 aprile, gli studenti sono stati raggiunti a Cracovia da due assessori e da una delegazione di consiglieri regionali, tre dei quali del Movimento 5 Stelle (Luciano Mossa, Manuela Nasso e Luigi Vesan) che hanno commentato: “Vi erano cinque posti messi a disposizione dei consiglieri regionali, in teoria non più d’uno per gruppo. Ma vi erano state solamente due adesioni [di Chiara Minelli e Patrizia Morelli, n.d.r.], dunque abbiamo dato la nostra disponibilità“. Per lgiustificare il costo del viaggio, a carico del bilancio del Consiglio, hanno precisato: “ci siamo impegnati nel far segliere alberghi dal costo popolare“.


Potrebbe interessarti:

© 2020 All rights reserved.