fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Châteaux en musique 2019

La rassegna Châteaux en musique, anche nel 2019, ha proposto l’abbinamento fra la visita ai castelli valdostani e spettacoli musicali.

L’appuntamento di mercoledì 3 luglio è stato al Castello Reale di Sarre con il Quintetto Arsnova, composto dai musicisti Andrea Morello (oboe), Massimiliano Colletto (clarinetto) Natalino Ricciardo (corno), Alberto Brondello (fagotto), Maria Cristina Pantaleoni (pianoforte) eseguirà musiche di Mozart e Beetthoven.

La rassegna è proseeguita il 10 luglio, al Castello di Verrès, con il gruppo di Torino LAB-PERM, composto dal direttore Domenico Castaldo e i cantanti Gloria Cuminatti, Marta Laneri, Rui Albert Padul, Natalia Sangiorno, Marta Tangredi, presenta il concerto “Canto del capro – Tragodìa project. – studio #1. Si tratta di uno studio di canti senza parole, dove il corpo e la voce faranno da strumento musicale.

Al Castello Sarriod de La Tour, il 17 luglio è stata la volta del concerto de Gli Invaghiti con il progetto “Love in my sin” – William Shakespeare, John Dowland e l’amore nel tardo rinascimento, eseguito dagli artisti Fabio Fumari (tenore), Ugo Nastrucci (liuto), Massimo Sartori (Viola da gamba e flauto diritto), Daniela Falconi (voce recitante).

Al Forte di Bard, il 24 luglio, ha avuto luogo un concerto a quattro voci per cantare Napoli , l’Italia e non solo. Lello Giulivo, Gianni Lamagna, Anna Spagnuolo e Patrizia Spinosi hanno proposto “Paese mio bello (l’Italia che cantava e canta)”, accompagnati dalle chitarre di Michele Boné e Paolo Propoli. Nel programma erano presenti tutte le note, le epoche e i generi cantati e vissuti in quarant’anni e più di attività dai quattro solisti.

Protagonista del concerto del 31 luglio, al Castel Savoia di Gressoney-Saint-Jean, è stata una solista di fama internazionale Anaïs Gaudemard, una delle migliori arpiste moderne. Vincitrice di numerosi e prestigiosi premi, la Gaudemard ha regalato due concerti con brani sempre diversi tratti dal suo grande repertorio.

Il 7 agosto al Castello Gamba di Châtillon si è esibito il cantante valdostano Davide Dugros, accompagnato da Simone Riva (campionatore, chitarra), Christian Costa (basso, sintetizzatore, programmazione), Michele Mammoliti (violoncello) e marco Lombarso (chitarra), con un concerto dal titolo “Gli anniversari dal 1959 al 2019”, con musica legata o ispirata agli anniversari più significativi degli ultimi 60 anni.

Il Duo Moulin, composto dai valdostani Rémy Boniface (violino, organetto, ghironda elettroacustica, elettronica) e Christian Thoma (oboe, corno inglese, clarinetto basso, elettronica) si è esibito il 14 agosto, a Château Vallaise di Arnad. Il concerto ha previsto brani originali e brani reinterpretati, con l’uso di strumenti acustici ma anche con l’introduzione della musica elettronica.

Al Castello di Introd, il 21 agosto, si è esibito il duo Bandieri-Mercando, composto dai musicisti  Davide Bandieri (clarinetto) e Alessandro Mercando (pianoforte), con un programma ispirato a “Schumann e i suoi fantasmi”, un percorso musicale e letterario alla scoperta di alcuni aspetti dell’ultimo periodo di vita di Robert Schumann.

La rassegna si conclude il 28 agosto, al Castello di Issogne, con l’esibizione de La Rossignol e il progetto “Ars Magica”. Protagonista la musica magica, stregonesca e propiziatoria tra Rinascimento e Barocco. Sul palco: Roberto Quintarelli (canto, flauti), Erica Scherl (viella, violino antico), Matteo Pagliari (flauti diritti, traversa, cornamusa), Francesco Zuvadelli (organo positivo, ghironda), Domenico Baronio (oud, chitarrino, colascione).

Tranne la serata del 14 agosto, che ha proposto un unico evento alle ore 20.30, per tutti gli altri appuntamenti di Châteaux en musique sono previsti due concerti (ore 18.00 e ore 20.30).

Per partecipare ai concerti è obbligatoria la prenotazione, telefonando al numero 348-3976575, dal giovedì precedente all’evento (sabato e domenica esclusi), dalle ore 9 alle 13.

Il biglietto d’entrata comprende, oltre al concerto, una visita guidata e un assaggio di un vino di produttori valdostani.

© 2019 All rights reserved.