fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Nuovo bando della Fondazione Comunitaria

Entro il 6 settembre saranno valutati i progetti presentati

Non un bando tradizionale, ma un bando per raccogliere idee progettuali sulle pari opportunità (con particolare attenzione alle politiche di inclusione delle differenze) e la promozione umana (declinata in promozione della creatività e dell’ingegno, sostegno alla natalità e promozione di processi di partecipazione attiva e di contrasto alla dispersione scolastica).

A proporre il bando è la Fondazione comunitaria della Valle d’Aosta che attraverso questo strumento intende co-finanziare (per un massimo dell’80% del costo) la realizzazione di progetti di solidarietà sociale e di sensibilizzazione culturale nella Valle d’Aosta che insistono su macrobiettivi considerati strategici e inclusi nel piano triennale di attività della stessa Fondazione.

Tra questi la stessa Fondazione chiede di lavorare sulla sperimentazione di prospettive di vita indipendente delle persone con disabilità, su iniziative di scoperta e rinforzo dei linguaggi espressivi e su progetti di sostegno alla natalità, visto che il fenomeno del decremento demografico è costante e di promozione della partecipazione alla vita sociale e alla vita scolastica

Il bando, che prevede un budget complessivo di 50mila euro, è stato presentato alla stampa  dal  Presidente della Fondazione comunitaria della Valle d’Aosta Pietro Passerin d’Entrèves e dal segretario generale Gianni Nuti. “Il bando di idee così come l’abbiamo pensato risponde alla volontà di migliorare da una parte la capacità progettuale delle organizzazioni del sociale in Valle d’Aosta e dall’altra di contribuire, nel nostro piccolo, all’aggregazione di soggetti con competenze e ambiti di azione simili o complementari, così come auspicato dalla Riforma del terzo settoreha spiegato Nuti. 

I soggetti interessati – realtà del terzo settore ma anche del privato profit con sensibilità sul sociale – devono quindi inviare entro e non oltre le ore 13 del giorno 6 settembre 2019 la loro idea-progetto alla Fondazione comunitaria che le sottoporrà al vaglio di almeno tre membri del Comitato esecutivo. Il 13 settembre si conoscerà, quindi, chi ha superato la fase istruttoria e potrà passare a quella progettuale in cui è prevista la costituzione di gruppi di lavoro incaricati di realizzare in modo condiviso e partecipato un’azione di sistema organica, capace di integrare le varie idee e renderle complementari. I progetti definitivi saranno pronti entro il 15 ottobre 2019, approvati entro il 31 ottobre per potersi avviare entro il 15 novembre

Potrebbe interessarti:

Passerin d\'Entrèves nuovo presidente di Fondazione comunitaria

Passerin d'Entrèves nuovo presidente di Fondazione comunitaria

Dopo nove anni alla guida della Fondazione Comunitaria della Valle d’Aosta, Luigino Vallet passa il testimone a Pietro Passerin d’Entrèves per il triennio 2019/2021.
Leggi tutto

© 2020 All rights reserved.