fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Arriva Italia ricorre al Consiglio di Stato per il contratto RaVdA-Trenitalia

La società Arriva Italia ha presentato ricorso al Consiglio di Stato contro la bocciatura del Tar valdostano al suo ricorso avverso l’assegnazione del contratto ferroviario di servizio a Trenitalia.

Il Tribunale amministrativo regionale, il 9 aprile 2019, aveva dichiarato improcedibili il ricorso incidentale e la memoria-motivi aggiunti della ricorrente principale, ritenendo che le argomentazioni di Arriva Italia Rail “non dimostrino la ‘manifesta e macroscopica’ erroneità e irragionevolezza della valutazione operata dalla Commissione” che, oltretutto, “non è suscettibile di diretto sindacato da parte del giudice amministrativo“.
La Regione autonoma Valle d’Aosta ha dato corso alle scelte e strategie che sono contenute nel nuovo contratto di servizio con Trenitalia. Un contratto che ha valenza regionale ed è stato studiato per favorire lo sviluppo delle esigenze locali del trasporto ferroviario e anche per il controllo della qualità del servizio.

Tuttavia, nel corso della riunione di venerdì 9 agosto, la Giunta regionale ha designato gli avvocati Francesco Pastorino e Carlo Merani quali propri difensori al Consiglio di Stato.

© 2019 All rights reserved.