fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Frana Quincinetto: aperto un tavolo di lavoro per stringere i tempi

Martedì 3 settembre 2019, a Roma, i vertici della Regione autonoma Valle d’Aosta e della Protezione civile valdostana hanno incontrato il capo del Dipartimento nazionale della Protezione civile per definire un percorso operativo per la messa in sicurezza del fenomeno franoso ubicato in località Chiappetti nel Comune di Quincinetto.

All’incontro, al quale erano presenti anche il Sindaco di Quincinetto,  l’assessore ai Trasporti della Regione Piemonte, rappresentanti del Ministero dell’Infrastrutture e dei Trasporti e dei Trasporti e del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio, i funzionari della Protezione civile della Regione Piemonte, la Città metropolitana di Torino, la Società Autostrade Valdostane S.p.A., ATIVA S.p.a, e il Centro  di Competenza dell’Università di Firenze, il presidente Antonio Fosson e l’assessore Luigi Bertschy hanno sollecitato l’intervento alla Protezione civile nazionale per attivare con la massima solerzia gli interventi necessari per la messa in sicurezza della frana.

È stato costituito un tavolo di lavoro il cui coordinamento è in capo alla Protezione civile nazionale, che coordinerà le azioni per la messa in sicurezza della frana di Quincinetto.

Sarà realizzato uno studio per avviare nel più breve tempo possibile i lavori. Il tavolo di lavoro si aggiornerà a  inizio ottobre, a Torino, per analizzare un cronoprogramma degli aspetti tecnici e amministrativi.

Saranno ridotti i tempi di realizzazione dello studio di fattibilità relativo alla definizione delle modalità di intervento sui blocchi instabili situati nell’accumulo della frana che il Comune di Quincinetto ha affidato giovedì 29 agosto e, entro 30/40 giorni, il tavolo di lavoro potrà esaminare la soluzione individuata per rendere operativi  gli interventi.

Deve invece essere verificata la possibilità di realizzare una viabilità alternativa e utile a migliorare le procedure operative di allertamento, preallarme e allarme finora elaborate. 

Potrebbe interessarti:

© 2019 All rights reserved.