fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Conservatorio senza governance

Hanno scritto al presidente Regione autonoma Valle d’Aosta e all’assessore all’Istruzione i componenti del Consiglio d’amministrazione dell’Istituto Musicale pareggiato/ Conservatoire de la Vallée d’Aoste per rassegnare ele proprie dimissioni.

Maurizio Castiglioni (vicepresidente), Davide Jaccod ed Erik Lavevaz (consiglieri) erano stati nominati per il triennio 2017/2020 ma, martedì 3 settembre 2019, in seguito alle dimissioni del presidente del Conservatorio, Emanuela Lagnier, ritengono, concluso il mandato del quale erano stati incaricati.

Nella lettera hanno scritto «In questi anni all’interno del Consiglio di Amministrazione, abbiamo sempre cercato di mantenere un atteggiamento propositivo, dialogante, ispirato ai principi della buona amministrazione. Abbiamo in particolar modo apprezzato le qualità umane e professionali della dr.ssa Lagnier, del prof. Meucci, al quale va riconosciuto il merito di aver proiettato il Conservatorio in una dimensione internazionale e di livello finora sconosciuto per la nostra Istituzione, e della dr.ssa Serra, la quale ha compiuto un lavoro che non esitiamo a definire “immane” sotto il profilo amministrativo, stante tutte le note vicende che hanno impedito di avere per lungo tempo un funzionario amministrativo presso l’ente».

Poi i ringraziamenti: «Ringraziamo per la fiducia concessaci in questi anni, nella speranza di aver bene operato a servizio delle Istituzioni pubbliche e, in questo caso, degli allievi, che rimangono il vero “patrimonio” dell’Ente».

In ultimo un augurio: «Auguriamo, infine, alla prof.ssa Tarenghi un proficuo lavoro alla guida artistica dell’Istituto, nel solco delle importanti novità e aperture apportate dal prof. Meucci».

Marinella Tarenghi era il rappresentante dei docenti nel Cda e, da lunedì 2 settembre, ha sostituito nel ruolo di direttore Renato Meucci.

Potrebbe interessarti:

Dopo i pompieri, anche gli insegnanti dell\'Istituto musicale vogliono tornare statali

Dopo i pompieri, anche gli insegnanti dell'Istituto musicale vogliono tornare statali

Foto aostalife.it - Martedì 9 aprile, a Roma, l’assessore all’Istruzione, Università, Ricerca e Politiche giovanili della Valle d’Aosta ha incontrato il ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, per un primo confronto sul processo di statizzazione degli Istituti superiori di studi musicali non statali e sull’opportunità di destinare all’estero personale docente appartenente ai ruoli regionali.
Leggi tutto

© 2019 All rights reserved.