fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Anche ad Aosta il blitz sulla Chiesa Cristiana Universale della Nuova Gerusalemme

Nella giornata di giovedì 10 ottobre, anche ad Aosta sono state effettuate perquisizioni e sequestri nell’ambito dell’indagine coordinata dalla Procura di Cassino sull’attività della Chiesa cristiana universale della nuova Gerusalemme.

La Chiesa cristiana universale della nuova Gerusalemme

La Chiesa, ente di culto non riconosciuto e scomunicato dalla Santa sede nel 2016, si è data quale sommo pontefice Samuele Morcia (47 anni), dal 2015, anno di costituzione. Ha un consiglio spirituale, un comitato pastorale e un’assemblea. Ispira la propria azione a Maria Giuseppina Norcia.

Il Consiglio di Stato ha decretato il suo riconoscimento giuridico quale Ente di culto il 14 novembre 2018, affermando che «Le risultanze, allo stato attuale, sono di segno positivo e favorevoli rispetto all’accertamento dell’effettiva natura religiosa dell’ente». Il riconoscimento era stato richiesto al Ministero dell’Interno. All’epoca risultava avere 2.400 fedeli. Dopo il riconoscimento partecipa alla ripartizione del 5×1000.

Ha la propria sede a Gallinaro, in provincia di Frosinone, e altre sedi in Italia. Il sito internet è www.nuovagerusalemme.it.

Le ipotesi accusatorie

L’indagine è stata aperta per svolgere accertamenti e verifiche successive a numerose denunce su presunte condotte indebite di varia natura. Spazierebbero da presunte pressioni psicologiche a flussi sospetti di denaro per migliaia di euro. Sarebbero state messa in opera da promotori e seguaci di questa sedicente Chiesa.

L’ipotesi di reato è dunque di truffa e sarebbero indagate, tra seguaci e impiegati comunali, una quindicina persone. 

20191006 esterno Bambinello
Fedeli in attesa all’esterno della Chiesa cristiana universale della nuova Gerusalemme, il 6 ottobre 2019

Perquisizioni e sequestri

Sono stati coinvolti nel blitz i Carabinieri del Comando provinciale di Frosinone, gli agenti della Squadra mobile della Questura di Frosinone e i finanzieri di Cassino.

Hanno effettuato perquisizioni e sequestri in abitazioni, società e luoghi di culto riconducibili alla Chiesa universale.

Ad Aosta

Il gruppo di Aosta della Guardia di Finanza è stato incaricato della perquisizione nell’abitazione di un fondatore della Chiesa universale, residente nel centro storico di Aosta. Non era presente e la porta dell’appartamento è stata aperta dalla madre, che era in possesso delle chiavi e ha presenziato alle operazioni degli inquirenti. Sono stati prelevati alcuni documenti, principalmente di natura bancaria.

Non risulta che la Chiesa cristiana universale della nuova Gerusalemme abbia una sede ad Aosta ma avrebbe, invece, alcuni seguaci.

Potrebbe interessarti:

© 2019 All rights reserved.