fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Lite con bastonata nei pascoli, condannato un vigile del fuoco

Mercoledì 19 dicembre 2018, il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Aosta – Giuseppe Colazingari – aveva emesso una misura cautelare nei confronti di un cinquantenne di Aosta.

L’accusa

Giuseppe Meynet, un vigile del fuoco, era accusato di aver aggredito con un bastone e colpito una signora sulla settantina e, per questo motivo, era stato raggiunto dal divieto di avvicinamento alla donna.

Alla base dei rapporti conflittuali tra i due, il fatto che il bestiame dell’uomo avrebbe invaso il terreno della signora.

Secondo le ricostruzioni, l’aggressore si sarebbe avvicinato alla donna e, dopo averle sputato in faccia, avrebbe tentato di colpirla alla testa con un bastona. La donna, tuttavia, si sarebbe coperta il viso con una mano; la prognosi dell’ospedale era stata di 20 giorni.

I fatti risalivano al mese di novembre 2018 ed erano avvenuti a Valtourneche.

La Procura aveca aperto un fascicolo per lesioni aggravate dalla minorata difesa e dall’utilizzo del bastone; le indagini sono state coordinate dal sostituto procuratore Eugenia Menichetti.

La sentenza

Venerdì 18 ottobre 2019, nel corso dell’udienza con rito abbreviato, l’accusa è stata sostenuta dal pubblico ministero Rosa Maria Catroppa di fronte al giudice Marco Tornatore. Meynet è stato condannato a sei mesi di reclusione e la sospensione della pena è subordinata a un risarcimento alla vittima di 1.500 euro.

© 2019 All rights reserved.