fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Frana di Quincinetto: RaVdA chiede di tutelare l’accesso alla Valle d’Aosta

Giovedì 31 ottobre 2019, si è svolta una riunione convocata dal Dipartimento nazionale di Protezione civile per l’analisi della frana in località Chiappetti nel Comune di Quincinetto.

Per la Regione autonoma Valle d’Aosta erano presenti l’assessore ai Trasporti, il capo della Protezione civile e la dirigente del Centro funzionale. Per la Regione Piemonte l’assessore ai Trasporti e il direttore Opere pubbliche e Trasporti. Hanno partecipato in collegamento la Regione Piemonte, il Comune di Quincinetto,  la Prefettura e la Città Metropolitana di Torino, SAV e Anas.

È stato illustrato il progetto di fattibilità commissionato dal Comune di Quincinetto, per valutare i tempi e le modalità di messa in sicurezza della frana. Venerdì 8 novembre, il progetto sarà sottoposto al Comitato Tecnico e, in quella sede, saranno definite le soluzioni per garantire l’accesso alla Valle d’Aosta.

L’assessore della Regione autonoma Valle d’Aosta, Luigi Bertschy ha sottolineato che «la soluzione del problema va ricercata non solo in funzione dei costi tecnici di realizzazione, ma anche dei costi sociali ed economici che una chiusura prolungata delle vie d’accesso alla Valle d’Aosta può causare. Per noi è impensabile chiudere le vie di accesso regionali per 100 giorni, come peraltro lo stesso Ministero dei Trasporti ha rilevato nel corso della riunione di oggi».

L’assessore delle Regione Piemonte, Marco Gabusi, ha evidenziato come «la proposta di viabilità alternativa concordata con la Città metropolitana di Torino vada presa in considerazione non come la panacea di tutti i mali, ma come una soluzione per la situazione di sicurezza che si è venuta a creare a seguito della frana. Stiamo rispondendo ad una situazione emergenziale: i tempi devono perciò essere rapidi e i passaggi devono essere ben coordinati. La condizione di stato di emergenza aiuterebbe a dare affidamenti progettuali per fine febbraio, mentre la parte di intervento richiederebbe due o tre mesi, a seconda di come si svilupperà il progetto esecutivo. Chiaramente per quel tempo la parte di viabilità alternativa deve essere pronta». 

Potrebbe interessarti:

Si sperimenta la procedura di emergenza per la frana Chiappetti

Si sperimenta la procedura di emergenza per la frana Chiappetti

Foto arpa.piemonte.it - Il Sistema di Protezione civile ha definito la procedura sperimentale per le fasi di allertamento, preallarme e allarme da attivare in relazione alla situazione della frana in località Chiappetti nel Comune di Quincinetto.
Leggi tutto

Apertura ridotta dell\'autostrada per rischio frana Chiappetti

Apertura ridotta dell'autostrada per rischio frana Chiappetti

Foto arpa.piemonte.it - Alle ore 16.47 di domenica 28 luglio, l'autostrada a A% è stata chiusa al traffico, in entrambi i sensi di marcia, fra Pont-Saint-Martin e Ivrea.
Leggi tutto

13 milioni di euro per mettere in sicurezza la frana di Quincinetto

13 milioni di euro per mettere in sicurezza la frana di Quincinetto

Foto Ufficio stampa RaVdA - Giovedì 4 luglio è stato firmato, a Quincinetto, il protocollo d'intesa per la migliore integrazione dei progetti e degli interventi per la riduzione dei rischi derivanti dal fenomeno franoso a monte della frazione Chiappetti.
Leggi tutto

Un tavolo tecnico per la frana di Quincinetto

Un tavolo tecnico per la frana di Quincinetto

Foto Ufficio stampa RaVdA - Si è svolta, martedì 2 luglio, nella sede della Prefettura di Torino, la riunione convocata per definire in modo coordinato la gestione degli interventi di mitigazione del fenomeno franoso situato in località Chiappetti nel Comune di Quincinetto.
Leggi tutto

© 2019 All rights reserved.