fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Bilancio RaVdA 2020/22: 19,5% per investimenti

Lunedì 11 novembre 2019, la Giunta della Regione autonoma Valle d’Aosta ha approvato la Legge di stabilità della Regione per il triennio 2020-2022, il Bilancio di previsione 2020/2022, il Collegato e il Programma regionale dei lavori pubblici e dei servizi di architettura e ingegneria.

La redazione del bilancio 2020-2022 è stata guidata dal contenuto del Documento di Economia e Finanza regionale (DEFR), proseguendo nel percorso di integrazione e raccordo tra i vari documenti di programmazione redatti dall’amministrazione.

Sempre in quest’ottica, per la prima volta sono stati approvati, contestualmente al Bilancio di previsione, il Programma regionale dei lavori pubblici e dei servizi di architettura e ingegneria per il triennio 2020/2022 e il relativo elenco annuale. L’integrazione dei due documenti di programmazione permette, così, di avviare sin dal 1° gennaio 2020 gli investimenti approvati.

Quanto ai dati, il bilancio regionale pareggia sull’importo complessivo di euro 1.506.839.286,77 per l’anno 2020, con entrate in crescita pari al 2,25 per cento, di euro 1.981.611.170,33 per l’anno 2021 e di euro 1.424.641.079,69 per l’anno 2022.

Le risorse disponibili, al netto delle partite di giro e dell’accantonamento per il Contributo alla finanza pubblica della regione – che, a decorrere dal 2020 è determinato in 102.807.00,00 euro – sono pari a circa 1.300.000.000 euro.

Di tali risorse, la spesa corrente per l’anno 2020, al netto del contributo allo Stato, risulta pari a 1.041 milioni, mentre gli investimenti, per lo stesso anno, saranno di 252 milioni di euro in crescita rispetto all’anno precedente. L’incidenza percentuale della spesa corrente è pari all’80,5% e degli investimenti è pari al 19,5%.

Complessivamente nel triennio le spese di investimento, pari a circa 672 milioni, registrano utilizzi particolarmente importanti nelle seguenti missioni:

  • Trasporti e diritto alla mobilità: 109.706.174,92 euro, pari al 16,32 per cento del totale;
  • Tutela della salute: 81.678.795,65 euro, pari al 12,15 percento del totale;
  • Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell’ambiente: 71.474.460,85 euro, pari al 10,64 per cento del totale.

Tra gli stanziamenti per Assessorato risultano particolarmente significativi quelli destinati al Dipartimento salute, per un importo complessivo pari a circa 293 milioni di Euro, con trasferimenti all’azienda USL per l’erogazione dei livelli di assistenza che vedrà un incremento di circa 8 milioni rispetto all’annualità precedente mentre, al Dipartimento politiche sociali sono state assegnate risorse per circa 83 milioni.

Al Dipartimento trasporti sono stati attribuite risorse per 61 milioni di Euro, così come all’Assessorato all’Ambiente, fra il Dipartimento Ambiente ed il Dipartimento Risorse naturali e Corpo forestale, sono stati assegnati quasi 31 milioni di Euro.

Quasi 60 milioni di euro sono stati destinati, nel suo complesso, all’Assessorato Turismo, Sport, Commercio, Agricoltura e Beni culturali, 31 milioni al Dipartimento industria, artigianato e energia e quasi 160 milioni al Dipartimento Sovraintendenza agli Studi.

Infine, le risorse assegnate all’Assessorato alle Opere pubbliche, Territorio e Edilizia residenziale pubblica sono pari a circa 96 milioni di euro.

Fondamentali risultano poi le risorse regionali aggiuntive, pari a circa 20 milioni nel triennio, necessarie, da una parte, alla positiva chiusura della programmazione europea in corso e, dall’altra, all’avvio delle iniziative previste per il nuovo settennio 2021/2027.

È stato previsto, nel bilancio, un fondo speciale che – attraverso un nuovo strumento legislativo – permetterà ai Comuni di finanziare interventi di manutenzione, di adeguamento, la messa a norma, la ristrutturazione e la realizzazione di opere minori di pubblica utilità. Tale fondo vede,  nel 2021 e nel 2022, l’allocazione di 5 milioni di Euro a favore degli enti locali.

Un ulteriore fondo speciale pari a 1.800.000 euro per l’anno 2020 e 100.000 a regime a decorrere dal 2021 è stato previsto per l’equiparazione dello stato giuridico e del trattamento economico e previdenziale del personale del Corpo Valdostano dei Vigili del Fuoco e del Corpo Forestale della Valle d’Aosta rispetto a quanto previsto in ambito nazionale.

Un peso rilevante nella Legge di stabilità è, poi, stato assegnato alla riorganizzazione del personale, con la previsione, fra l’altro, della possibilità di sostituire il personale cessato, al fine di rendere più efficienti le diverse strutture regionali e, conseguentemente, garantire risposte più rapide e puntuali ai cittadini.

Le iniziative sviluppate nei disegni di legge e una più razionale allocazione delle risorse rispetto ai fabbisogni, consentiranno, a partire dal 1° gennaio, alla stessa di reperire risorse per 20 milioni di euro, da destinare alla copertura delle richieste di mutui per l’acquisto della prima casa e per i mutui di ristrutturazione.

Alla finanza locale andranno complessivamente oltre 193 milioni di Euro, dei quali 91.500.000 euro senza vincolo di destinazione, come nel 2019, mentre i trasferimenti con vincolo settoriale saranno pari a 101.850.000 euro a beneficio di specifiche leggi di settore con un incremento di oltre il 10% rispetto al 2019. I Comuni potranno, inoltre, beneficiare di uno specifico bando sull’efficientamento energetico degli edifici pubblici in relazione al quale verranno stanziati 2 milioni di euro di risorse regionali aggiuntive.

Sono stati individuati come interventi prioritari da finanziare il recupero delle ex caserme Beltricco e Giordana, inserite nella creazione del nuovo Polo Universitario, i finanziamenti strategici a favore dell’ammodernamento degli impianti di risalita e, infine, gli interventi di prevenzione del rischio idrogeologico.

Le disposizioni collegate

Sono state approvate anche le disposizioni collegate alla legge di stabilità regionale per il triennio 2020/2022. Modificazioni di leggi regionali e altre disposizioni.

Il disegno di legge è composto da venti  articoli suddivisi in otto capi, in base alla materia sulla quale incidono le disposizioni introdotte.

Turismo

È stata inserita una disposizione per incrementare la sicurezza sulle piste di sci.  L’accertamento delle infrazioni concernenti il comportamento degli utenti spetterà anche al personale dei gestori delle piste che saranno qualificati  come incaricati di pubblico servizio. Questa disposizione viene incontro alle richieste dei gestori circa il corretto comportamento delle persone lungo le piste (accessi senza titolo, accessi di persone sprovviste di idonea attrezzatura, con ciaspole o a piedi).

Sono state attuate una serie di disposizioni di semplificazione che riguardano le professioni turistiche, sia con riferimento agli enti accreditati per promuovere e organizzare corsi di formazione per l’acquisizione dell’abilitazione per l’esercizio delle professioni turistiche, sia con riferimento alla soppressione del certificato di idoneità psico-fisica all’esercizio della professione certificata da un medico di sanità pubblica nonché all’iscrizione negli elenchi professionali regionali per i partecipanti ai corsi.

Un normativo è introdotto in materia di organizzazione dei servizi di informazione, accoglienza ed assistenza turistica e istituzione dell’Office régional du tourisme – Ufficio regionale del turismo – con lo scopo di rafforzare ulteriormente il sistema turistico Valle d’Aosta introducendo nuove iniziative funzionali al soddisfacimento delle esigenze della clientela turistica, quali l’informazione, l’accoglienza e l’assistenza turistica, oltre a quelle commerciali che, allo stato attuale, non sono previste.

Anche i servizi di competenza erogati dagli Uffici del turismo vengono ampliati attribuendo loro compiti di assistenza nella prenotazione e nella vendita, anche per conto terzi, di servizi turistici quali visite ed escursioni guidate, ingressi a laboratori, manifestazioni, eventi, spettacoli e attrattori turistici, compresi i castelli, e altri servizi utili al turista, oltre alla vendita, anche per conto terzi, di gadget e articoli promozionali.

Sarà semplificata anche la trasmissione e la pubblicazione dei dati statistici relativi al movimento turistico forniti dagli operatori. L’Assessorato  ha attivato una piattaforma on line che gli operatori della ricettività turistica potranno utilizzare per i caricamento diretto dei dati a partire dal 1° giugno 2020.

Agricoltura

Provvedimenti sono assunti in materia di tutela delle api con l’aggiornamento delle disposizioni riguardanti le modalità di utilizzo dei prodotti fitosanitari nella pratica dell’apicoltura. Viene introdotto il divieto assoluto di impiego di prodotti fitosanitari tossici per le api durante il periodo della fioritura delle colture arboree, ornamentali e spontanee, dell’apertura dei fiori alla caduta dei petali.

Sarà, invece, demandata alla Giunta regionale l’approvazione delle linee-guida e delle istruzioni operative per limitare i danni relativi all’uso di prodotti non tossici e, fuori dal predetto periodo della fioritura delle colture arboree, ornamentali e spontanee, dall’apertura dei fiori alla caduta dei petali, anche di quelli tossici.

Politiche educative

È stato individuato un nuovo criterio per determinare il contributo annuo alla SFOM, in base al quale lo stesso non potrà superare l’80 per cento della spesa per il personale sostenuta nel 2018. La misura del contributo potrà essere aumentata di ulteriori dieci punti percentuali a nel caso in cui la Fondazione stipuli convenzioni con altri enti ai sensi della stessa legge.

Sono stati modificate le modalità per determinare i criteri per l’accesso ai posti gratuiti e semigratuiti presso collegi e convitti della Regione, con la precisazione di priorità; così come è stato ampliato  il servizio di mensa per il personale ispettivo, direttivo e docente delle scuole di ogni ordine e grado dipendenti dalla Regione.

È stata ampliata l’offerta formativa dell’Istituto San Giuseppe destinandola anche ai maschi e  accogliendo una richiesta, pervenuta dallo stesso collegio. E sono state modificate le modalità di determinazione del finanziamento per gli interventi di alternanza scuola-lavoro.

Sanità

Gli indirizzi e gli obiettivi di salute e di funzionamento dei servizi dell’Azienda USL saranno fissati dalla Giunta regionale entro il 30 settembre dell’anno precedente, contestualmente all’assegnazione del finanziamento. Il direttore generale dell’Azienda USL adotterà  il piano attuativo locale, dopo averlo trasmesso alla Regione, che si esprimerà su di esso con deliberazione della Giunta regionale, e al CPEL, per il parere di competenza, entro il 15 novembre dell’anno precedente a quello di riferimento.

Saranno, inoltre, ridefinite le modalità per l’effettuazione di controlli sui bilanci preventivi e sul bilancio di esercizio dell’Azienda USL.

Disciplina delle pratiche edilizie

La disposizione che sarà introdotta recepisce una richiesta pervenuta dagli ordini professionali al fine di contrastare l’evasione fiscale e l’elusione degli obblighi contributivi da parte dei professionisti. In particolare, si prevede che, nell’ambito delle pratiche edilizie, alla domanda debba essere allegata, quale condizione di procedibilità, anche la dichiarazione sostitutiva di regolarità contributiva del professionista.

Vincolo idrogeologico

L’obbligo di autorizzazione verrà disciplinato, a tutela dei terreni che possono, con danno pubblico, subire denudazioni e perdere di stabilità. Sono stati definiti, in particolare, gli interventi e le attività per cui l’autorizzazione sia  necessaria o meno con riferimento alle movimentazioni di terra.

Potrebbe interessarti:

Approvato il Bilancio RaVdA 2019/21

Approvato il Bilancio RaVdA 2019/21

 Dopo due giorni di dibattito, nella seduta pomeridiana del 19 dicembre, il Consiglio Valle ha approvato con 18 voti a favore (Uv, Uvp, Alpe, Sa, Gruppo misto), 10 astensioni (Lega VdA e Mouv') e 7 contrari (M5S, Ic), la legge di stabilità e il bilancio di previsione della Regione autonoma Valle d'Aosta per il triennio 2019-2021.
Leggi tutto

© 2019 All rights reserved.