fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Assemblea degli Enti locali del 4 dicembre 2019

Evidenziando le esigenze degli enti locali in materia di extragettito Imu, sicurezza delle infrastrutture di proprietà comunale e welfare, l’Assemblea del Consiglio permanente degli enti locali si è astenuta, mercoledì 4 dicembre, in merito al Bilancio di previsione per il triennio 2020/2022 della Regione autonoma Valle d’Aosta.

Tale decisione è stata presa alla luce della disponibilità a trovare risorse aggiuntive da parte dei rappresentanti del Governo regionale, in sede del prossimo assestamento di bilancio, previsto per la primavera. Il voto sulla legge di stabilità e il Bilancio regionale, espresso a maggioranza (2 i voti contrari), è arrivato dopo un ampio confronto dei rappresentanti degli enti locali con il presidente della Regione, Antonio Fosson, e l’assessore alle Finanze, Attività produttive e Artigianato, Renzo Testolin, e in seno all’Assemblea medesima.

Alla finanza locale sono stati assegnati complessivamente 193 milioni di euro. Gli investimenti senza vincolo di destinazione ammontano a poco meno di 91,5 milioni di euro, mentre il totale assegnato alle leggi di settore è pari a ulteriori 101.850.769,50 euro.

L’Assemblea ha proposto in particolare un emendamento all’articolo 9 del disegno di legge n. 45, alla luce del recepimento dell’Accordo Stato/Regioni in materia di finanza pubblica e sottoscritto in data 16 novembre 2018 dal Ministro dell’economia e delle finanze e dal presidente della Regione. Speranza Girod, responsabile politico della Consulta 2. Finanza locale e tributi e sindaco di Fontainemore, ha detto: «Il bilancio regionale nel complesso è migliorativo, però i fondi senza vincolo di destinazione per i Comuni, che rappresentano la voce più importante per i nostri bilanci, sono gli stessi del 2018. Chiederemmo che le risorse dell’extragettito Imu, pari a 32 milioni di euro negli anni, restino interamente nella disponibilità dei singoli enti, anche al fine di costituire un fondo di solidarietà tra enti».

L’Assemblea ha poi evidenziato una serie di richiesta al Legislatore: disciplinare, in una specifica disposizione, la costituzione di un fondo per la realizzazione di indagini, studi, monitoraggi e interventi in urgenza su ponti e viadotti di proprietà comunale; prevedere, per quanto concerne i servizi a favore delle persone anziane ed inabili, la piena copertura dei costi; differire la data di scadenza per l’approvazione dei bilanci degli enti locali 28 febbraio 2020, tenuto conto che il bilancio regionale sarà approvato a fine anno. In merito poi al maggior gettito del Consorzio BIM, ne è stato richiesto il trasferimento dal Bilancio regionale a quello dei singoli Comuni, con lo stesso criterio di riparto già adottato dal Bim, e da destinare espressamente alla gestione di acquedotti, fognature e infrastrutture comunali, in particolare ponti e viadotti.

È stata successivamente presa in esame la deliberazione di Giunta regionale relativa alla nomina della Commissione indipendente di valutazione della performance, relativa al triennio 2020/2022. «Dopo un confronto puntuale con l’Amministrazione regionale, sono stati forniti alcuni chiarimenti tecnici di tipo procedurale, e condividiamo quindi l’impianto e i contenuti della DGR», ha detto Giulio Grosjacques, responsabile politico della consulta Affari generali e pubblico impiego. L’Assemblea ha così condiviso un parere favorevole all’unanimità. 

L’Assemblea del Cpel ha infine espresso unanime parere favorevole sul disegno di legge regionale n. 43 Disposizioni urgenti per l’attrattività del sistema sanitario regionale e la formazione del personale sanitario. Il responsabile politico, Giulio Grosjacques, ha sottolineato: «Cerchiamo di dare risposte alle esigenze dei cittadini in materia di salute, anche rendendo più interessante lavorare in Valle d’Aosta per i professionisti delle professioni sanitarie».

Potrebbe interessarti:

© 2019 All rights reserved.