fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Consiglio comunale a Montjovet il 18 dicembre 2019

Il Consiglio Comunale di Montjovet si è riunito mercoledì 18 dicembre 2019 e, dopo aver approvato i verbali della seduta precedente, il sindaco Jean-Christophe Nigra ha comunicato che, il 2 dicembre, sono iniziati i lavori sulle fermate dell’autobus e che, il 5 dicembre, la Giunta ha approvato i cambiamenti alla rotonda. Ha anche segnalato che, il 27 dicembre, avrà luogo l’Assemblea della Pro Loco di Montjovet, nella Sala Polivalente.

I documenti di Bilancio

Invariata l’imposta sulla pubblicità.

In relazione al servizio di refezione scolastica e di trasporto degli alunni, è stato segnalato che comporteranno rispettivamente un costo di 58mila e 40.150 euro sul Bilancio comunale 2020. I costi a carico degli utenti resteranno i medesimi del 2019.

Invariate le indennità al sindaco e agli assessori e i gettoni di presenza per i consiglieri comunali.

Le aliquote dell’Imu e dell’imposta di soggiorno rimangono inalterate per il prossimo anno.

Queste approvazioni sono state funzionali all’approvazione del Bilancio 2020/22 e al relativo Documento unico di programmazione. Il sindaco ha segnalato che il pareggi è intorno ai 4 milioni di euro, con risorse importanti destinate alla rotonda e alla strada (si attende il parere Anas per poter procedere) e alla realizzazione di progetti che si auspica ottengano il cofinanziamento del Gal.

22 mila euro sono destinati alla Casa dell’Acqua e vi sono risorse anche per l aProtezione civile, quelle che si voleva destinare già nel 2019 senza peraltro riuscirvi.

È stato definito un accordo con il Comune di Champdepraz per implementare l’organico dell’Ufficio tecnico di un architetto, anche part-time.

Riduzione tributi TARI e regolamenti

Nigra ha illustrato la proposta (approvata) di ridurre la Tari alle persone la cui casa è fuori dal centro paese, alle seconde case e a coloro che non utilizzano l’immobile come abitazione principale, visto che ora pagano come un nucleo residente permanente.

La riduzione proposta sarebbe da circa 30% per chi è fuori centro o seconda casa. Ciò comporterebbe un onere a carico del Comune di circa 8mila euro.

Si è poi passati a discutere il Regolamento Rifiuti, approvato dalla Giunta in giugno, visto che vi è la necessità di comminare sanzioni a chi inquina l’ambiente buttando le cose in luoghi inadeguati.

Approvato il Regolamento per il canone di utilizzo di spazi pubblici: era necessario fare chiarezza per permettere ai richiedenti di avere indicazioni chiare e di non sovraccaricare gli uffici. Ora requisiti e costi sono chiaramente definiti.

Potrebbe interessarti:

© 2020 All rights reserved.