fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Un’altra frana a Villeneuve

Alle ore 00.58 di mercoledì 1° gennaio 2020, il borgo di Villeneuve, all’interno della zona rosa fortunatamente disabitata, è stato colpito da un altro crollo di massi.

Sono caduti 16 metri cubi di materiale roccioso mentre nel corso della prima frana, quella di venerdì 27 dicembre 2019, erano franate a valle alcune centinaia di metri cubi di materiale.

Sul luogo sono intervenuti i Vigili del Fuoco e il geologo della Regione autonoma Valle d’Aosta. Nel corso della giornata, sono proseguite le attività preliminari al consolidamento del versante interessato dalla frana.

Nel primo pomeriggio di martedì 31 dicembre 2019, nel Municipio di Villeneuve, si era svolta una riunione per fare il punto sull’evento franoso. Erano presenti il sindaco Bruno Jocallaz, con una delegazione della Giunta comunale, il presidente della Regione Renzo Testolin, il capo della Protezione civile Pio Porretta, il dirigente della struttura attività geologiche della Regione Davide Bertolo e i tecnici incaricati dal Comune, che hanno provveduto a una prima analisi della situazione e di programmazione degli interventi.

In particolare, era stato segnalato che le squadre erano già al lavoro per mettere in sicurezza la porzione di frana più instabile, cosa che avrebbe dovuto restringere in tempi molto brevi l’estensione dell’attuale zona rossa. Si era deciso che le opere di contenimento definitive sarebbero seguite. È stata inoltre eseguita una ricognizione su tutto il fronte roccioso.

Nei prossimi giorni, i rappresentanti del Comune incontreranno le famiglie evacuate per illustrare la situazione e il cronoprogramma degli interventi.

Potrebbe interessarti:

© 2020 All rights reserved.