fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Assolti Paron e Leone Rosso

Le indagini

L’ipotesi di turbativa d’asta riguardava la gara con la quale il Comune di Aosta aveva assegnato la gestione dei servizi socio-assistenziali. La gara era stata vinta dalla cooperativa Proges e i servizi erano stati acquisiti, in una seconda fase, da Leone rosso.

L’ipotesi di tentata turbativa d’asta, invece, riguarda il bando per i servizi agli anziani che è stato assegnato, nel 2017, alla Kcs.

La vicenda fiscale si riferiva alla presunta emissione di fatture per operazioni inesistenti nell’ambito dei rapporti tra Proges e Leone Rosso.

La sentenza

Venerdì 21 febbraio 2020, il giudice per le udienze preliminari Giuseppe Colazingari ha assolto tutti gli imputati. Perché il fatto non sussiste per i fatti di rilevanza penale fiscale e per ritenuta carenza di prova per i fatti di turbativa d’asta.

Dall’assoluzione di coloro che erano stati ammessi al giudizio abbreviato è conseguita la declaratoria di non luogo a procedere per Anghinolfi, che aveva invece chiesto di discutere l’udienza preliminare

La sentenza sarà depositata entro 90 giorni e, lette le motivazioni, la Procura valuterà la possibilità di proporre appello.

Le richieste del pubblico ministero

Il 27 novembre 2019, il pubblico ministero Carlo Introvigne aveva chiesto una condanna a due anni di reclusione e 400 euro di multa per Andrea Edoardo Paron; tre anni e quattro mesi e 300 euro di multa per Cesare Marques (presidente di Leone Rosso) e Michel Luboz (funzionario della stessa cooperativa); un anno e sei mesi per Antonio Costantino (presidente ella Proges di Parma) e il rinvio a giudizio di Giancarlo Anghinolfi (direttore generale della coop Proges).

© 2020 All rights reserved.