fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Pd: polemiche sulla riunione della Direzione

 Il Partito democratico della Valle d’Aosta ha convocato la propria Direzione per lunedì 24 febbraio.

L’accusa di Area democratica

L’Area Democratica Gauche Autonomiste afferma però che tale organismo non ha più valore legale, in attesa della ricomposizione dell’Assemblea regionale, principale organo del partito. 

«Assemblea regionale che anch’essa, vista la fuoriuscita di alcuni delegati aderenti a Italia Viva e di altri che hanno avanzato dimissioni per motivazioni proprie, necessita di una riorganizzazione nel rispetto di tutte le componenti interne al Partito» scrivono Raimondo Donzel e Gianni Champion in una nota. 

Donzel e Champion segnalano «che più membri dell’Assemblea, sia di maggioranza sia di minoranza, si sono rivolti al Partito nazionale per avere garanzia sul ripristino degli organismi del Partito regionale. Pertanto, in attesa di tale riscontro, i pochi che utilizzando la sigla del partito regionale non hanno titolo a deliberare alcunché». 

La risposta della segreteria

La risposta è arrivata da Stefano Vaccari, responsabile organizzazione della segretaria nazionale del Partito democratico: «La Valle d’Aosta sta vivendo un momento difficile, il Partito Democratico è al fianco del Pd della Valle d’Aosta e della segretaria regionale nella volontà di costruire un progetto aperto progressista, ecologista ed europeista per le elezioni regionali, che possa costruire un’alternativa fatta di buona politica che metta al centro le persone e i loro bisogni e che sia in prima fila nella lotta alla criminalità organizzata e alla corruzione».

E il segretario regionale, Sara Timpano, specifica: «il PD nazionale ha ribadito che è al fianco di chi lavora per costruire e non per chi lavora per distruggere. Polemiche in questi questi giorni mi sembrano superflue e paradossali: le lascio ad altri».

© 2020 All rights reserved.