fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Coronavirus: la situazione alle ore 18 del 24 febbraio 2020

Alle ore 18 di lunedì 24 febbraio 2020, nella sede della Protezione civile della Valle d’Aosta, durante la conferenza stampa di aggiornamento della situazione sul coronavirus è stato segnalato che la Valle d’Aosta è ancora territorio indenne.

Sono stati sinora consegnati i risultati di tre tamponi e sono risultati negativi.

Si è in attesa dei risultati di altri tre tamponi, di cui uno per persona ricoverata in Ospedale e due al proprio domicilio.

L’Azienda Usl della Valle d’Aosta sta attrezzando il proprio laboratorio per effettuare direttamente questi esami. È stato anche chiesto al Ministero di poter gestire i medici in formazione con contratti Co.Co.Co. Un decreto permetterà di disporre di un’équipe appositamente formata a muoversi sul territorio.

In queste ore, le chiamate di assistenza sono state numerose: sabato 22 febbraio le chiamate al 112 sono state 356 (190 in più rispetto ai giorni precedenti). Sono state 458 domenica 23 febbraio, di cui 270 destinate al 118. Il numero verde per la richiesta di informazioni riceve anche chiamate da fuori Valle: complessivamente circa 150 al giorno.

Domani, martedì 25 febbraio 2020, si svolgerà una nuova videoconferenza con il presidente del Consiglio.

Si segnalano casi di sciacallaggio, avvenuti fuori Valle, con soggetti non autorizzati che propongono di eseguire i tamponi sui cittadini, al loro domicilio. Non bisogna accettare tali proposte. Nessuno si può presentare al domicilio dei cittadini se non si è contattato previamente il 112. Per ora nessun caso è stato segnalato in Valle e questa comunicazione è da intendersi come misura preventiva.

Sono state sospese le gite scolastiche al di fuori del territorio regionale mentre sono confermate quelle interne.

Per gli asili nido, è stata predisposta una nota per rassicurare famiglie e operatori. Per ora non vi è l’intenzione di chiudere questi servizi. Lo stesso vale per gli enti di formazione e le scuole di formazione professionale: l’indicazione è di conservare l’attività in essere.

È stato annunciato che, mercoledì 26 febbraio, nel pomeriggio, si svolgerà un incontro con le organizzazioni sindacali e con la rappresentanza della Chambre valdôtaine (nelle varie componenti del Consiglio camerale) per un confronto sulla situazione e permette all’Amministrazione regionale di esplicitare le iniziative messe a disposizione della popolazione e ciò che si pensa di attuare o non attuare in questa fase, in base alle situazioni che si svilupperanno.

È stato sottolineato che la criticità percepita è purtroppo più elevata di quella effettiva.

Potrebbe interessarti:

© 2020 All rights reserved.