fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

AduVdA chiede chiarezza su Giachino dg Finaosta

Ambiente-Diritti-Uguaglianza Valle d’Aosta ritiene che sulla procedura di selezione che ha portato alla nomina di Paolo Giachino a direttore generale di Finaosta «occorrerà fare totale chiarezza».

Questa nomina, argomenta AduVdA, «interviene durante il periodo in cui il socio (la Regione, al 100%) è in regime di ordinaria amministrazione, in attesa che le prossime elezioni regionali diano vita a un nuovo Consiglio e una nuova Giunta. Il Governo attuale, per una nomina di sua competenza, non avrebbe potuto procedere in questo periodo a un atto di simile importanza. La sua partecipata al 100% ha invece giudicato di poterlo tranquillamente fare, con un’improvvisa fretta di chiudere la partita».

AduVdA ricorda che, a seguito del lavoro in Commissione sulla vendita di turbine da Water Gen Power A Cva Trading, il Consiglio regionale della Valle d’Aosta approvò all’unanimità, nel gennaio del 2017, una risoluzione per mezzo della quale si chiedeva la Rimozione da parte del Consiglio di amministrazione di CVA degli incarichi conferiti al dott. Trisoldi e al dott. Giachino.

In funzione del fatto che il prossimo Consiglio Valle sarà presumibilmente chiamato ad assumere una posizione relativamente alla quotazione in Borsa di Cva, AduVdA chiede che le decisioni non siano lasciate a «Un sistema chiuso, […] per definizione incapace di svilupparsi e di crescere, e persino di capire quanto è incapace di farlo».

Potrebbe interessarti:

© 2020 All rights reserved.