fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Finaosta: Consiglio d’Amministrazione in prorogatio

Venerdì 20 marzo, dopo che avevano lasciato Stefania Fanizzi (quando diventata segretario generale della Regione autonoma Valle d’Aosta) e Caroline Togniettaz, è giunta notizia delle dimissioni di Vivien Charrey dal Consiglio di Amministrazione di Finaosta SpA, valide dal 3 aprile 2020.

È così salito a tre (su cinque) il numero dei consiglieri di Amministrazione di Finaosta che si sono dimessi. Erano stati nominati nel settembre 2018.

Erano rimasti così in carica solamente il presidente Andrea Leonardi e il consigliere Nicola Rosset.

Vivien Charrey
Vivien Charrey

Il M5S chiede interventi immadiati

Appresa la notizia, i consiglieri del Movimento 5 Stelle chiede l’intervento immediato della Giunta della Regione autonoma Valle d’Aosta «per il ripristino urgente del Cda della finanziaria regionale. Lo stesso, infatti, perde la propria capacità decisionale e operativa di cui la nostra Regione ha bisogno».

I consiglieri regionali Luigi Vesan, Maria Luisa Russo, Manuela Nasso e Luciano Mossa colgono l’occasione per stigmatizzare «l’irresponsabilità dei giochi di potere dei soliti partiti che hanno nominato i 5 membri del CdA».

Il CdA è cessato

Nel pomeriggio del 20 marzo è giunta in redazione una nota sulla quale si legge: «A seguito di un confronto tra gli Organi sociali della Finaosta S.p.A. e il Referente della Regione autonoma Valle d’Aosta, si è ritenuto opportunamente applicabile quanto previsto dall’art. 17 comma 6 dello statuto sociale, per cui il Consiglio di amministrazione è da ritenersi cessato».

Si dovrà quindi procedere alla nomina di un nuovo Consiglio di amministrazione, della quale si prenderà atto in sede assembleare.

Fino alla data dell’Assemblea, l’attuale Consiglio di amministrazione resterà in carica, assicurando la piena operatività aziendale.

© 2020 All rights reserved.