fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Ricetta elettronica per i farmaci: come funziona

Da lunedì 23 marzo 2020, sono cambiate le modalità per richiedere e ritirare i farmaci, in farmacia. L’obiettivo è di evitare che gli utenti si rechino dal proprio medico di famiglia per farsi prescrivere le medicine.

Queste le diverse modalità possibili:

  1. Il Medico di famiglia invierà al proprio assistito, in alternativa al promemoria cartaceo, una e-mail contenente la ricetta elettronica e il Numero (NRE) per il ritiro dei farmaci in farmacia. Nella e-mail potrà esserci sia la ricetta completa con il numero NRE, sia un codice a barre (barcode).
    Non c’è bisogno di stampare la ricetta: l’assistito potrà farla vedere al farmacista dal proprio smartphone o tablet. Il farmacista rileverà il barcode con un apposito lettore oppure inserirà manualmente il numero NRE sul proprio computer.
  2. L’assistito può richiedere al medico l’invio del numero NRE, via SMS. Con questa modalità il farmacista inserirà manualmente i dati indicati nel messaggi.
  3. Via Whattsapp: il medico invierà all’assistito la fotografia del numero NRE.
  4. L’assistito può telefonare al proprio medico, che gli comunicherà a voce il numero della ricetta NRE. A sua volta, l’assistito dirà il numero al farmacista.
  5. Le ricette elettroniche possono essere inviate dal medico all’assistito mediante il Fascicolo Sanitario Elettronico FSE, per chi lo ha attivato.

Le modalità SMS e WhatsApp sono in via di attivazione.

In tutti i casi, è richiesta la tessera sanitaria TEAM, che riporta il Codice fiscale dell’assistito.

© 2020 All rights reserved.