fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Coronavirus: vietata la coltivazione degli orti per autoconsumo

La Presidenza della Regione autonoma Valle d’Aosta, in applicazione del Decreto del presidente del Consiglio dei Ministri del 22 marzo 2020, domenica 29 marzo 2020 ha emesso una nota per comunicare il divieto di coltivare gli orti per autoconsumo sinché sarà in atto il divieto di uscire di casa.

La nota parte ricordando che è consentita l’attività di produzione, trasporto, commercializzazione e consegna di prodotti agricoli e alimentari e che, fra le attività ammesse, sono previste le coltivazioni agricole e la produzione di prodotti animali.

Tuttavia ciò deve «essere inquadrato nell’ambito della filiera della coltivazione e della produzione agricola, prettamente alimentare, di carattere imprenditoriale, per cui è da ritenere ammessa, oltre che la produzione, la commercializzazione presso le rivendite autorizzate o presso il domicilio di prodotti (quali trapianti, barbatelle, piante da frutto, semenze, fertilizzanti, ecc.) solamente in favore di imprese agricole, con consegna ai titolari, familiari, coadiuvanti e dipendenti, nel puntuale rispetto delle norme sanitarie volte al contenimento della propagazione del contagio».

Ma non è ammessa la vendita di tali prodotti agricoli a soggetti che non traggono dall’attività agricola reddito, ma svolgono tale attività per autoconsumo.  E ciò in ragione del fatto che «devono osservare le disposizioni generali per tutta la popolazione e restare a casa e non svolgere le attività agricole all’aperto, fatte salve quelle attività, quali i trattamenti fitosanitari, che, su indicazione   delle autorità competenti, sono resi obbligatori per prevenire problematiche di ordine generale».


Tre ore dopo, la rettifica chiarificatrice.

Potrebbe interessarti:

© 2020 All rights reserved.