fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Courmayeur abbozza il piano post coronavirus

l sindaco di Courmayeur, Stefano Miserocchi, risponde alle comunicazioni ricevute dai consiglieri Vaglio e a Salvato sulle variazioni al Bilancio conseguenti all’emergenza coronavirus, esponendo le posizioni della maggioranza.

«L’obiettivo è di approvare il Bilancio per garantire stabilità amministrativa e operatività ordinaria, oltre a dare un importante segnale di stabilità e fiducia alla comunità» premette Miserocchi, che ritiene prioritario superare le limitazioni dell’esercizio provvisorio «perché solo con un Bilancio approvato si può, da subito, dare una risposta efficace alle emergenze presenti nel nostro territorio».

Il Bilancio dovrà poi essere rivisto, «sia rispetto alla reale consistenza delle entrate previste, sia rispetto alle scelte sulla spesa», procedendo con variazioni e prelievi dal fondo di riserva.

Miserocchi anticipa le intenzioni della sua Giunta.

Fiscalità

Il Comune non può e non deve privarsi degli strumenti economici per dare una risposta efficace alla crisi economica che verrà. Si dovranno con tutta probabilità modificare gli strumenti di intervento, ma si devono avere le risorse per farlo.

Investimenti

Appena sarà disponibile un quadro di previsione di breve-medio termine e chiariti anche gliindirizzi e i sostegni regionali e nazionali in continua evoluzione, si procederà allevariazioni al Bilancio.

Per quanto riguarda gli investimenti, si definiranno gli interventi essenziali a breve termine e strategici per territorio, popolazione e sicurezza (es: tetto del Liceo, manutenzioni necessarie ad acquedotti e fognature) mentre sugli altri investimenti si terrà conto con prudenza dell’evolversi del quadro dell’emergenza sanitaria e del quadro normativo.

Un accenno specifico è fatto alle opere di messa in sicurezza dell’area di Plan Chécrouit, a seguito degli eventi di febbraio 2020. L’opera è sicuramente strategica, in vista di un’auspicabile ripresa dell’attività invernale della stazione. È stato terminato uno studio di fattibilità (finanziato da CMBF) e sono in corso di valutazione le possibili soluzioni di finanziamento pubblico. Per tale motivo, non disponendo di importi, questa voce non è stata inserita in Bilancio e quindi sarà oggetto di variazioni.

I lavori di piccola entità di manutenzione del territorio, normalmente coperti dalla parte corrente, sono una voce importante per il rilancio o il mantenimento dell’economia locale (piccole-medie imprese del territorio): anche in questo si ritiene necessario non frenare la capacità di spesa, eventualmente prevedendo variazioni agli investimenti per finanziare tali voci.

Turismo

Le reali dimensioni delle ricadute negative sul comparto turistico dell’emergenza sanitaria sono difficilmente prevedibili: l’Assessorato comunale al Turismo, unitamente al CSC, coordinerà il suo operato con l’Assessorato regionale, con gli operatori locali e le varie associazioni di categoria, per poter elaborare nuove strategie a corto, medio e lungo termine.

Si monitoreranno allo stesso tempo le azioni e gli interventi, anche economici, che ci aspettiamo e sono già stati preannunciati a livello nazionale e regionale dai competenti Ministeri e Assessorati.

Il palinsesto estivo proseguirà sulla strategia e nella proposta già fatta di valorizzare il territorio e i suoi operatori (ABC = Ambiente, Benessere, Cultura) ma dovrà tenere conto delle disposizioni ministeriali anche in materia di assembramento delle persone e sulle ripercussioni su trasporti ed eventi.

L’Amministrazione prevede, per l’estate prossima, sempre che si esca dalla situazione di emergenza, una prevalenza di turismo nazionale e di vicina prossimità straniera: sarà quindi importante mantenere un buon livello di manutenzione del territorio (strade, sentieri, segnaletica, aree verdi pubbliche, etc.) che garantisca soddisfazione a questa categoria di utenza, normalmente molto incline all’outdoor.

I livelli d’investimento saranno commisurati all’emergenza e alla fragilità del momento, senza perdere di vista la promozione del territorio e il ritorno delle frequentazioni ai livelli precedenti la crisi.

Diritti sociali, politiche sociali e famiglia

L’Amministrazione di Courmayeur ritiene ci sarà un cambiamento dei riti sociali: pensiamo ai grandi assembramenti, agli incontri tra le famiglie, ai luoghi di aggregazione dei bambini e per gli anziani. Ci sarà un cambiamento del livello di vulnerabilità economica delle famiglie.

In questo senso il ruolo giocato dalle politiche sociali rappresenta un elemento importante nella quotidianità delle famiglie.

Gli obiettivi saranno:

  • garantire la protezione degli interessi più vulnerabili e delle categorie maggiormente esposte al disagio derivante da questa emergenza e continuare a portare al centro dell’operato dell’Assessorato i temi della responsabilità sociale, della sussidiarietà e del sostegno delle fasce deboli attraverso la collaborazione già attiva con gli enti come il Celva, gli Enti del Terzo Settore e lo Sportello Unico Sociale.
  • continuare a comunicare con la popolazione, soprattutto la fascia sociale più debole, come anziani e indigenti, e mantenere nonché integrare a livello comunale le attuali disposizioni di sostegno e assistenza (anche di natura domiciliare) previste dalla Protezione Civile e dalle Regione Valle d’Aosta, finché non rientrerà l’emergenza sanitaria.
  • garantire i servizi a favore delle famiglie tra cui quello dell’erogazione del sostegno abitativo e la garanzia della continuità didattica, qualora l’anno scolastico non riprendesse la normale attività. Alla luce di quanto sopra esposto, ritengo opportuno un incontro con una Vostra rappresentanza in cui condividere quella che, anche alla luce delle normative finora pubblicate, riteniamo essere una proposta concreta per azioni realizzabili e da intraprendere subito, che inizia dalla stesura a quattro mani di un emendamento al testo deliberativo del Bilancio esplicitando:

1) Il posticipo immediato delle seguenti riscossioni al fine di garantire maggior liquidità alle attività commerciali del territorio:

  • TASSA DI SOGGIORNO: scadenze ordinarie 15 maggio – 15 novembre con spostamento della scadenza del 15 maggio al 15 ottobre.
  • COSAP: scadenza ordinaria per importi sino ad 800€, una rata al 30 aprile. Per gli importi superiori, 2 rate al 30 aprile e 30 luglio a posticipo della rata del 30 aprile al 1° ottobre; posticipo della rata di luglio a ottobre.
  • AFFITTI LOCALI COMMERCIALI: scadenze come da ogni singolo contratto a posticipo della mensilità di marzo/aprile/maggio a ottobre/novembre/dicembre. 2) La costituzione di un gruppo di lavoro consiliare (concretizzabile in una commissione consiliare temporanea ai sensi dell’art 21 c. 1 reg. consiliare) sul tema della crisi economica, affinché il Consiglio collabori sulle strategie generali per la gestione della crisi, valutando anche lo sviluppo del quadro normativo disposto da Stato e Regione. 3)

Il sindaco Miserocchi invita dunque tutti i consiglieri ad accelerare l’approvazione del Bilancio consuntivo 2019, per poter definire l’esatto ammontare dell’avanzo da destinarsi anche a coprire la spesa corrente.

Si dice a disposizione per un incontro con una delegazione, che sarà anche occasione per discutere delle modalità di svolgimento del prossimo Consiglio Comunale.

Potrebbe interessarti:

© 2020 All rights reserved.