fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Consiglio comunale a Courmayeur il 6 aprile 2020

Sono durati circa sei ore i lavori del Consiglio comunale di Courmayeur, che si è riunitoì lunedì 6 aprile 2020ì.

A inizio lavori, nel richiedere la parola, la consigliere Fabrizia Derriard (La Nuova Via) ha voluto manifestare vicinanza al territorio e alle vittime dell’emergenza sanitaria: «Siamo in guerra contro un nemico e volevo aprire questi lavori con un pensiero verso tutti coloro che combattono in prima linea e verso coloro che ci sono vicini. Ci sono persone che stanno vivendo momento terribili, stiamo perdendo una generazione di padri e nonni». Il messaggio di vicinanza è stato condiviso dal Sindaco, Stefano Miserocchi, a nome di tutta l’Amministrazione e del Consiglio comunale.

È stata poi comunicata la costituzione del nuovo Gruppo misto composto dai consiglieri Alberto Vaglio (Capogruppo) e Roberta D’Amico (vice), nonché l’uscita dal gruppo Esprit Courmayeur del consigliere Marco Salvato, che non ha aderito al Gruppo misto e che resterà quale consigliere autonomo.

A seguito dell’approvazione delle delibere sulla verifica della quantità e qualità delle aree e fabbricati da destinarsi alla residenza, alle attività produttive e terziarie e dell’approvazione del piano alienazioni e valorizzazioni immobiliari per l’anno 2020, i lavori consiliari si sono concentrati sulle deliberazioni relative alla tariffe per poi passare all’approvazione del Bilancio di previsione 2020/2022 e del documento unico di programmazione (DUP).

Imu

Le tariffe relative all’imposta municipale propria Imu «non subiscono variazioni rispetto all’anno 2019 per non gravare sulle famiglie e sul tessuto sociale di Courmayeur – ha precisato il Sindaco Stefano Miserocchi – così come tutte le tariffe che incidono sulla popolazione e sul tessuto imprenditoriale». La delibera è stata approvata con 8 voti del Gruppo Esprit, 6 contrari del Gruppo La Nuova Via e Gruppo misto e l’astensione del consigliere Marco Salvato.

Servizio idrico integrato

Le tariffe non subiscono variazioni rispetto all’anno precedente. Delibera approvata con 9 voti favorevoli del gruppo Esprit e del Consigliere Marco Salvato e 6 voti contrari dei gruppi La nuova Via e Gruppo misto.

Servizi a domanda individuale e grado di copertura

Anche in questo caso le tariffe non subiscono variazioni, con la specifica fatta dall’assessore Sara Penco riguardo al servizio mensa: poiché dal mese di marzo il servizio non è stato erogato, il gestore del servizio non addebiterà nessuna quota alle famiglie. La delibera è stata approvata con 9 voti favorevoli del Gruppo Esprit e del Consigliere Marco Salvato e i 6 voti contrari dei gruppi La Nuova Via e Gruppo misto.

Servizi a domanda individuale in concessione a CSC

Anche i Servizi a domanda individuale in concessione a CSC non subiscono aumenti per non gravare sulle famiglie. La delibera è stata approvata con 9 voti a favore del gruppo Esprit e del Consigliere Marco Salvato e 6 voti contrari del Gruppo La nuova Via e Gruppo Misto.

Budget 2020 CSC

La presa d’atto della delibera del Centro Servizi Courmayeur srl (CSC) – Comunicazione budget anno 2020 è stata messa ai voti. Il documento ha ottenuto 8 voti favorevoli (Gruppo Esprit) 6 voti contrari (Gruppo misto e Gruppo Nuova Via) e un’astensione del consigliere Marco Salvato.

Indennità del sindaco e degli assessori e gettoni di presenza dei consiglieri comunali per l’anno 2020

I compensi rimangono invariati rispetto al 2019. La delibera ha ottenuto 11 voti a favore (Gruppo Esprit Courmayeur, Gruppo misto e Consigliere Marco Salvato) e 4 astensioni (Gruppo la Nuova Via). In questa occasione è stata comunicata da parte dei consiglieri del Gruppo misto e la Nuova Via l’adesione dei singoli consiglieri alla raccolta fondi del Celva.

Convenzioni

Sono state approvate poi a maggioranza le delibere 10 11 e 12 all’ordine del giorno, rispettivamente: la proroga della convenzione generale regolante i servizi comunali da svolgere tra- mite l’Unité des Communes valdôtaines Valdigne-Mont-Blanc; la proroga della convenzione tra i Comuni del comprensorio e l’Unité des Communes valdôtaines Valdigne-Mont-Blanc re- golante il servizio di gestione tecnico operativa del collettore fognario e dei presidi depurativi minori; la convenzione tra i Comuni del comprensorio e l’Unité des Communes valdôtaines Valdigne – Mont-Blanc che regola il servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti. Entrambe le tre delibere hanno ottenuto 9 voti a favore (Gruppo Esprit Courmayeur e consigliere Marco Salvato) e 6 astensioni (Gruppo Nuova Via e Gruppo misto).

Bilancio di previsione 2020/2022 e documento unico di program- mazione (DUP)

Il sindaco ha ribadito che la volontà dell’Amministrazione comunale di approvare il Bilancio in Consiglio così come approvato in Giunta ad inizio marzo 2020, prima dell’aggravarsi dell’emergenza sanitaria legata al Coronavirus, è dettata «dall’uscire dalla gestione in dodicesimi per dare elasticità al Comune per procedere poi con lo strumento delle va- riazioni di bilancio e con la definizione di un gruppo di lavoro, eventualmente ufficializzabile in una commissione consiliare, per definire le misure anti-crisi a sostegno del sistema sociale, economico e imprenditoriale di Courmayeur».

Il documento contabile di previsione per il triennio 2020-2022 pareggia, tra entrate e spese, sulla cifra di euro 27.645.063,66 per il 2020, di euro 21.600.000,00 per il 2021 e 22.066.500,00 euro per il 2022.
Nella relazione al documento contabile il vice sindaco, Paolo Corio, con delega al bilancio ha precisato «Come tutti sappiamo, durante il mese di marzo, gli eventi dovuti alle problematiche COVID – 19 hanno sconvolto il nostro Paese, la nostra Regione, il nostro Comune e stanno sconvolgendo l’Europa ed il Mondo intero. Si tratta di uno scenario complesso, dalle tante incognite, che in queste ultime settimane si è modificato di giorno in giorno. Ad oggi non possiamo sapere né conoscere quando questa situazione inizierà a normalizzarsi né quali saranno i risvolti sociali ed economico finanziari che si presenteranno al nostro Paese ed alla nostra comunità.

In generale è evidente che dalle prossime settimane si imporrà un drastico ripensamento di tutta la programmazione economico finanziaria del nostro comune e del CSC per tener conto del mu- tato contesto, al fine di salvaguardare gli equilibri di bilancio e per far fronte alle varie necessità connesse con l’emergenza in corso. In tal senso gli equilibri di bilancio potranno avvantaggiarsi delle economie di spesa derivanti da eventuali servizi non erogati, tenendo conto ovviamente de- gli eventuali minori proventi conseguenti. Le due leve, oggi nelle nostre mani, sono gli investi- menti per le OO.PP. e gli investimenti per la Promozione del Turismo.

Come già iniziato a fare, anche nelle prossime settimane e nei prossimi mesi, mediante un co- stante contatto con le associazioni di categoria locali e regionali, valuteremo quali variazioni potremo e dovremo apportare al bilancio per meglio risolvere le problematiche economiche del- le attività operanti nel nostro comune».

A seguire vi sono state le relazioni dell’assessore all’ambiente, territorio e opere pubbliche Marco Vagliasindi, dell’assessore al Turismo e Commercio, Ivan Parasacco, e dell’assessore alla Cultura e Politiche sociali Sara Penco.

Ad anticipare il voto sul Bilancio è stata la votazione di due emendamenti proposti dal sindaco. Il primo relativo alla correzione di una Missione del DUP (approvato a maggioranza). Il secondo emendamento aggiuntivo al testo della delibera è stato a sua volta emendato, dopo discussione, integrando gli apporti proposti dai consiglieri Marco Salvato, Massimo Sottile e Alberto Vaglio. L’emendamento, considerata la straordinaria emergenza sanitaria per l’epidemia Covid19 e i suoi effetti negativi sull’attività economica del territorio, posticipa le seguenti riscossioni al fine di garantire maggior liquidità alle attività commerciali del territorio:

a) TASSA DI SOGGIORNO: la scadenza ordinaria del 15 maggio 2020 al 1° ottobre 2020 e la scadenza ordinaria del 15 Novembre 2020 al 1° Aprile 2021.

b) COSAP: la scadenza ordinaria, per importi sino a 800€, del 30 aprile al 1° Ottobre e le sca- denze ordinarie, per gli importi superiori a 800 €, delle due rate del 30 aprile 2020 al 1° di ottobre 2020 e del 30 luglio 2020 al 1 marzo 2021.

c) AFFITTI LOCALI COMMERCIALI: posticipo della mensilità dovute di marzo/aprile/maggio 2020 a ottobre/novembre/dicembre 2020 anche in favore dei locali dati in gestione alla so- cietà in house C.s.c. s.r.l.. Le agevolazioni saranno concesse solo a coloro che risultano in rego- la con il versamento dei canoni di locazione e delle utenze.

L’emendamento prevede inoltre la costituzione di un gruppo di lavoro consiliare (concretizzabile in una commissione consiliare temporanea ai sensi dell’art 21 c. 1 reg. consiliare) sul tema della crisi economica, per collaborare allo studio sulle strategie generali inerenti la gestione di tale crisi derivante dalla diffusione dell’epidemia da COVID-19, valutando anche lo sviluppo del quadro normativo che sarà disposto da Stato e Regione .

Infine il documento evidenzia che si procederà all’approvazione quanto prima del Bilancio consuntivo 2019, per definire l’esatto ammontare dell’avanzo da destinarsi, nei limiti ed in conformità alla normativa regionale e nazionale che sarà adottata per fronteggiare le conseguenze economiche e sociali derivanti dalla pandemia Covid-19, a strategie ed azioni a sostegno e rilancio dell’economia locale, anche mediante l’utilizzo della spesa corrente, direttamente o in coordinamento con società partecipate.

L’emendamento è stato approvato con gli 8 voti favorevoli del Gruppo Esprit, i 4 voti contrari del Gruppo La Nuova Via e 3 astensioni dei consiglieri del Gruppo Misto e del consigliere Marco Salvato.

Nel corso del dibattito e in fase di dichiarazione di voto sul bilancio, i consiglieri del gruppo Misto e della Nuova via, hanno più volte ribadito la propria contrarietà al bilancio di previsione in approvazione, ricordando le «proposte già avanzate di misure concrete che avrebbero po- tuto essere inserite nell’attuale bilancio».

Per il consigliere Massimo Sottile (La Nuova Via) si tratta di «un bilancio inutile e una mera formalità, così come approvato oggi, potevamo aspettare 20 giorni per inserire misure concrete. Chi siede a questo tavolo è chiamato ad agire di fronte alle urgenze, anche rispetto a quello scritto su un bilancio da rifare».

Il consigliere Alberto Vaglio, Gruppo misto, lo ha definito un «bilancio teorico perché poi dovremo stravolgerlo. La ricetta del Sindaco e vice Sindaco sul non fermare gli investimenti e le spese correnti dipende da quello che si farà poi e se tali scelte avranno un ritorno. Su misure proposte, quali il rinvio della tassa di soggiorno, la Cosap e altre misure, possiamo far ben di più che un semplice spostamento».

Sulla stessa linea la consigliere Roberta D’Amico che ha parlato di «un bilancio non reale, avremmo voluto fare un incontro prima di questo Consiglio e definire misure concrete, speriamo nell’attivazione della Commissione quanto prima per procedere con le variazioni».
La consigliere Fabrizia Derriard (La Nuova Via) considera infine il bilancio «fuori tempo e fuori luogo, senza contatto con la realtà».

Il capogruppo di Esprit Courmayeur, Luca Signorelli, in fase di dichiarazione di voto, ha dichiarato «L’approvazione del bilancio oggi è un passo obbligato per tenere in moto l’apparato di governo e di gestione di Courmayeur e per disporre rapidamente e con efficienza delle risorse economiche necessarie ad affrontare i problemi strategici e quotidiani che l’emergenza in corso ci presenterà. Vogliamo tutti con forza che le risorse liberate oggi vengano utilizzate in modo massiccio per correre in soccorso della nostra comunità, attraverso lo strumento delle variazioni di bilancio, e nel momento in cui saranno delineati gli scenari del dopo-epidemia e si sarà chiari- to il contesto legislativo di contorno».

Il bilancio di previsione e il DUP sono stati approvati con 8 voti favorevoli (Gruppo Esprit), 6 contrari (Gruppo la Nuova Via + Gruppo misto), e 1 astenuto (consigliere Marco Salvato).

Infine, tra le deliberazioni approvate anche la convenzione con Rla Regione autonoma Valle d’Aosta per l’intervento di manutenzione straordinaria del Forum Sport Center che riguarda i lavori di adeguamento antincendio sulla copertura del Palaghiaccio e il cui costo di circa 275mila euro sarà ripartito al 50% tra Comune e Regione. La delibera ha ottenuto 11 voti favorevoli (Grup- po Esprit, Gruppo Misto e Consigliere Marco Salvato) e 4 astensioni (Gruppo Nuova Via).

La proposta anticrisi di Vaglio

Il consigliere Alberto Vaglio ha già depositato le proprie proposte per il gruppo di lavoro costituito durante la seduta consiliare.

La logica del suo ragionamento si basa su questi principi:

  1. distinzione tra interventi di breve periodo (aiuto alle imprese e famiglie da attuare nell’immediato) e di medio e lungo periodo (azioni di investimento per rilanciare l’economia turistica);
  2. l’epidemia da Covid-19 che ci ha colpito ci costringe a fare scelte che riducono nell’immediato la capacità di spesa del Comune, salvaguardando sempre gli equilibri di bilancio e la possibilità di pianificare le spese di investimento per il futuro;
  3. tutte le scelte che si potranno prendere sono da inserire in una visione complessiva, un quadro d’insieme delle possibili manovre del Comune.

Ogni decisione dovrà essere supportata dall’analisi dei dati e dei flussi finanziari delle casse comunali che potrà fornire l’Assessore al Bilancio, tramite il supporto della struttura tecnica comunale e con la supervisione del Segretario Comunale.

Gli interventi da pensare e attuare devono essere svincolati e possono essere aggiuntivi rispetto agli interventi decisi dalla Regione e dallo Stato. 

Entrate

Le fonti di finanziamento disponibili potrebbero essere:

  1. avanzo di bilancio disponibile del 2019. Dai dati ricavabili dal bilancio di previsione 2020/2022 credo si potrebbe aggirare intorno agli 800.000,00 euro. Ricordo che per il 2019 tale avanzo potrà essere utilizzato anche per spese correnti.
  2. creazione di economia di spese correnti. Indispensabile un’analisi delle spese correnti per effettuare una loro riduzione, senza creare disagi o danni particolari alla macchina amministrativa. Credo che si potrebbe ragionare nell’ottica massima di un 7% – 10% delle spese correnti previste;
  3. rinvio delle spese di investimento non indispensabili e che, per la loro natura si presume non possano avere un particolare impatto sull’economia del territorio nel 2020. Da salvaguardare, sicuramente, tutte quelle spese di manutenzione del territorio, di piccola e media entità, i cui appalti possono essere avviati entro un paio di mesi e soprattutto, nel rispetto della normativa, possono rimanere appannaggio delle tante imprese del territorio

A tale proposito, vista l’eccezionalità della situazione, la Giunta potrebbe costituire una Commissione interna temporanea tecnica, con durata fino alla fine dell’anno in corso, formata dall’Assessore al Bilancio, il Segretario Comunale, il Vicesegretario e il Responsabile dei Servizi di Ragioneria. Tale commissione dovrebbe riunirsi settimanalmente per l’esame dei flussi finanziari in entrata e in uscita relativi alla crisi, che presumibilmente saranno in continua evoluzione.

Spese

Le leve principali su cui agire ritengo siano i tributi comunali, che oltre ad essere rinviati o sospesi, possono essere anche ridotti, se non annullati.

  1. tassa di soggiorno (vedi regolamento comunale): i soggetti passivi sono le strutture ricettive che incassano la tassa dai clienti per poi riversarla al Comune. La proposta è di lasciare nelle mani degli albergatori una quota della tassa di soggiorno già incassata per il periodo relativo ai mesi di novembre e dicembre 2019 e gennaio, febbraio e marzo 2020, da calcolare in misura proporzionale al periodo di chiusura. In questo modo si garantirebbe da subito un po’ di liquidità.
  2. IMU (legge 160/2019):  forse la leva più importante che il Comune ha. Si potrebbe approvare il nuovo regolamento IMU inserendo, almeno per il 2020, diverse modalità di pagamento (4 rate con scadenza possibilmente oltre l’anno 2020, per esempio – 16/09/2020-16/11/2020-16/01/2021 e 16/03/2021 – vedi art.1, c. 777, legge 160/2019). Per gli esercizi commerciali (non alberghi) il cui titolare dell’azienda è anche proprietario, si potrebbe pensare a una riduzione dell’aliquota (vedi art.1, c. 754, legge 160/2019). La percentuale di riduzione sarebbe da determinare in misura proporzionale al periodo di chiusura. Altre riduzioni sulle aliquote potrebbero essere pensate per dare sostegno a particolari situazioni, quali ad esempio i titolari di esercizi commerciali che hanno in locazione, e non in proprietà, i locali commerciali sul territorio, pur non essendo loro residenti a Courmayeur.
  3. TARI (vedi regolamento comunale): non applicazione della TARI per il periodo di chiusura delle attività, oppure riduzione della tariffa variabile (da valutare se escludere le categorie beneficiarie delle riduzioni di cui al punto 1 e 2) oppure ancora blocco delle tariffe al 2019, senza applicazione dell’aumento che era previston l’anno scorso ma che poi non ha potuto essere applicato. Sospensione della scadenza di pagamento prevista al 30/11 con rinvio nel 2021.
  4. rette mense scolastiche: se già versate per il periodo di chiusura, si potrebbe prevedere la restituzione delle stesse.
  5. diritti di segreteria e bolli vari: prevederne l’esenzione ove possibile o la restituzione.

Aiuti ai bisognosi

Costituzione di un fondo speciale a fondo perduto a valere sull’avanzo di amministrazione (quota disponibile), per aiuti immediati a favore di persone disagiate, prive di occupazione, con comprovate necessità di aiuto sociale. Tali aiuti potranno essere erogati in base ad una serie di criteri che andranno approvati con una delibera di Giunta comunale, su proposta dell’Assessore alle Politiche Sociali.

Rilancio turistico

Nessuno sa cosa potrà succedere nei prossimi 3 – 4 mesi. E’ però altamente probabile che la vita sociale ricominci con delle limitazioni al fine di mantenere il distanziamento sociale e contenere il pericolo di un ritorno dell’epidemia. E noi, come località di montagna, potremo avere un richiamo in più per i turisti.

La stagione estiva 2020 non può essere programmata, almeno a livello di promozione. E’ necessario essere comunque presenti sul mercato per non sparire, magari dando messaggi tranquillizzanti e positivi, sfruttando le nostre montagne, del tipo….”il Monte Bianco è sempre li e ti aspetta….vieni a visitarlo passata l’emergenza” (idea non mia, ma copiata da un articolo di una rivista di settore). Bisognerà puntare sul turismo italiano e di prossimità e cullare i proprietari di seconde case.

Un volano turistico fondamentale lo dovranno svolgere le due valli (Ferret e Veny) che potrebbero essere  l’ambiente ideale per rilassarsi, godersi la natura, rimanendo distanziati. Per fare ciò, però, non possiamo permetterci di far muovere la gente con i vecchi pullman e neppure rischiare che il numero chiuso di macchine nelle vallate, non permetta alla gente di salire e disperdersi lungo i sentieri. E allora perché non pensare di provare una gestione mista…….valli aperte con un numero limitato di macchine e affidamento di un servizio di trasporto con trenini turistici, con piccoli vagoni dove ogni famiglia rimane isolata e può percorrere le valli. Per l’investimento si potrebbero usare i soldi che non saranno spesi per la promozione turistica.

Nel medio e lungo periodo, per rilanciare il turismo a partire dall’inverno 2020/2021 credo ci si debba affidare a mani esperte per non rischiare di sbagliare le mosse. E’ necessario costruire un piano turistico pluriennale, strategico e straordinario finalizzato alla programmazione di tutti gli aspetti legati alle politiche e alle azioni turistiche a sostegno e rilancio del turismo. A tal fine servirebbe una consulenza di alto livello, magari affidata tramite CSC, società che può e deve essere parte attiva oltre che nella gestione dei servizi, anche nelle azioni di risparmio per ricavare risorse da canalizzare su questi interventi.

Potrebbe interessarti:

© 2020 All rights reserved.