fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

25 aprile senza pubbliche celebrazioni

Il 75esimo anniversario della Liberazione non potrà essere celebrato con cortei e manifestazioni, per le limitazioni previste dai provvedimenti legati al Covid-19.

Istituto storico per la Resistenza

Tuttavia, l’Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea in Valle d’Aosta vuole ricordare con la cittadinanza il 75º anniversario della Liberazione dal fascismo.

Scrive in una nota: «Il pensiero va a tutti, a tutte coloro che si sono battuti contro la dittatura per la Libertà, la Democrazia e l’Autonomia della nostra terra e della nostra Comunità; in modo particolare, il nostro pensiero va a chi ha perso la vita per questo: Émile Chanoux, Émile Lexert, Aurora Vuillerminaz e tanti altri partigiani, ma anche a tutti e a tutte coloro che hanno operato nell’ombra per sconfiggere i nazi-fascisti. Nessuna celebrazione dunque, ma la Memoria deve vivere per le nuove generazioni europee».

RaVdA e Associazione nazionale Partigiani d’Italia

Il presidente della Regione autonoma Valle d’Aosta, attraverso una nota condivisa con la sezione locale dell’Anpi e inviata al presidente del Consiglio permanente degli Enti locali, ha invitato i sindaci a mobilitarsi per rendere comunque omaggio alla ricorrenza che segna la liberazione dell’Italia.

Il presidente Testolin aprirà la giornata delle celebrazioni con la deposizione di una corona di fiori al Parco della Rimembranza di Aosta insieme a un rappresentante dell’ANPI Valle d’Aosta. Per quanto riguarda il capoluogo regionale, questo primo momento sarà seguito da una seconda cerimonia, alla quale presenzieranno invece un rappresentante dell’Amministrazione comunale e un componente dell’ANPI Valle d’Aosta, per un omaggio al monumento in onore ai Caduti, in Piazza Chanoux ad Aosta.

Nei Comuni di Aosta (al Parco della Rimembranza e in Piazza Chanoux), Arnad, Aymavilles, Brissogne, Champdepraz, Cogne, Donnas, Fénis, Fontainemore, Issime, Issogne, Gaby, Lillianes, Montjovet, Morgex, Nus, Quart, Sarre, Saint-Marcel, Saint-Pierre, Saint-Vincent, Perloz, Pont-Saint-Martin e Verrès, in forme compatibili con l’attuale situazione di emergenza e garantendo quindi l’adeguato distanziamento e evitando ogni forma di assembramento, il Presidente di ogni sezione ANPI (o un suo delegato) con ciascun sindaco o altro Rappresentante dell’amministrazione comunale depositeranno un fiore o un fazzoletto partigiano davanti ai monumenti della Resistenza e terranno degli interventi che saranno poi pubblicati insieme alle fotografie.

Sul web

Inoltre, l’ANPI ha aderito all’appello di Repubblica #Iorestolibero: a partire dalle ore 11 sul sito www.25aprile2020.it e sulla pagina Facebook 25 aprile 2020 #iorestolibero numerosi ospiti si collegheranno in attesa dell’appuntamento delle ore 14.30, quando andrà in onda la diretta con il giornalista Gad Lerner e la presidente Nespolo.

A livello locale, nel  corso della mattinata, sulla pagina Facebook ANPI Valle d’Aosta saranno trasmessi alcuni video preparati per l’occasione con la lettura dei primi 12 articoli della Costituzione, le immagini dell’anno appena trascorso e della scorsa Festa della Liberazione e una versione di Bella Ciao realizzata con il supporto dei Trouveur Valdotèn e di alcuni musicisti valdostani.

I Valdostani potranno partecipare portando un fiore virtuale alle partigiane o ai partigiani postando sulla pagina Facebook ANPI Valle d’Aosta, inviando su Messenger o via mail pensieri, foto, disegni, poesie o altro che raccontino la loro Festa della Liberazione.

Associazione nazionale Alpini

Per poter comunque ricordare la fine della Seconda guerra mondiale e del regime fascista, il Comitato Valle d’Aosta dell’Associazione Nazionale Alpini ha aderito al flash-mob lanciato dalla presidente nazionale Carla Nespolo per creare una gigantesca piazza virtuale, invitando la popolazione ad affacciarsi alla finestre o a uscire sui balconi per cantare una delle canzoni simbolo della lotta partigiana, Bella ciao.

Forte di Bard

Per celebrare l’anniversario della Liberazione, l’Associazione Forte di Bard ha deciso di illuminare con il tricolore la facciata principale del Forte: fasci di luce verde, bianca e rossa illumineranno dalla notte di venerdì 24 aprile e sino al primo maggio, Festa dei Lavoratori, le mura dell’Opera Carlo Alberto.

L’Orage

In occasione del 25 aprile 2020, L’Orage propone Lo Guidano le Stelle, mini album dedicato ai Canti della Resistenza realizzato interamente in quarantena.

Sabato 25 aprile, il gruppo valdostano, guidato dal cantautore Alberto Visconti e dai fratelli Rémy e Vincent Boniface con la presenza di Luca Moccia al basso e di Antonio Gigliotti alla batteria, pubblicherà sul proprio canale YouTube questo nuovo mini-album scaturito dall’urgenza di affermare con forza la propria fede nei valori della Resistenza e dell’antifascismo anche nell’attuale, difficile, condizione di isolamento.

Registrato e mixato interamente dalle proprie case durante il periodo di lockdown, Lo Guidano le Stelle propone una rilettura inedita dei celebri canti resistenziali Bella Ciao, Fischia il Vento, Il Bersagliere ha Cento Penne più una del celebre brano di Leonard Cohen The Partisan secondo lo stile del gruppo.

«Una maniera di dimostrare che la musica e la voglia di lottare per le conquiste etiche e civili della Resistenza sono in grado di superare lo spazio e le difficoltà», commenta il gruppo musicale.

© 2020 All rights reserved.