fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Consiglio comunale a Quart il 21 aprile 2020

Il Consiglio comunale di Quart si è riunito, in videonconferenza, martedì 21 aprile 2020.

La seduta si è aperta con l’approvazione dei verbali della seduta precedente e le comunicazioni di sindaco e assessori. Il sindaco Eugenio Acheron ha relazionato in merito alla situazione dell’emergenza Covid-19 sul territorio: in totale, dall’inizio della crisi, 162 soggetti sono stati messi in isolamento; attualmente lo sono 49 persone, appartenenti a 23 nuclei familiari. Le persone positive al tampone sono 16 state e quelle guarite 9. La Fondazione Ollignan è stata destinata ad accogliere persone che non possono essere isolate nel loro domicilio e sono attualmente ospitate cinque persone (non residenti) sui 19 posti disponibili. I Vigili del fuoco volontari collaborano per la raccolta dei rifiuti delle persone in isolamento e la distribuzione di generi alimentari e medicinali. Hanno anche effettuato alcuni interventi di sanificazione. La distribuzione dei buoni per il sostegno alimentare (finanziamento di 21.699,30 euro da parte dello Stato ) è iniziata nella giornata: e potranno essere spesi in esercizi convenzionati. Cinquanta domande sono state presentate e 39 sono già state giudicate ammissibili. Sono stati erogati buoni per 10.750 euro.

L’assessore Massimiliano Lale Demoz, in relazione alla distribuzione delle mascherine, ha segnalato che sono state effettuate quattro sessioni di consegna e sono anche stati istituiti punti di distribuzione. La Pro loco ha integrato la distribuzione con mascherine che ha provveduto ad acquistare. Il dottor Roberto Rosset, presidente dell’Ordine dei Medici della Valle d’Aosta, ha donato mille mascherine filtranti, mentre il dottor Sergio Crotta e il Lions Club Cervino hanno donato 500 mascherine in tessuto.

L’assessore Milena Zanardi si è fatta portavoce del presiedente del Consiglio Bruno Pallua, assente per malattia, per proporre di effettuare una donazione a nome dell’intero Consiglio comunale, corrispondente a un gettone di presenza, destinandolo all’acquisto di buoni spesa. 

A tal proposito, da segnalare che il consigliere di opposizione Bruno Chaussod si è astenuto da ogni votazione ritenendo che non fosse astato rispettato l’articolo 2, comma 2, del Regolamento del Consiglio comunale, che prevede la presenza del presidente del Consiglio alle sedute consiliari. La segretario comunale ha precisato che, in sua assenza, la funzione può essere svolta dal sindaco. 

Il sindaco ha aggiunto che sono proseguiti i lavori della rotatoria centrale di Villefranche, come anche quelli della videosorveglianza. Domani parte la manutenzione del verde pubblico. 

È stata data comunicazione al Consiglio di variazioni al Bilancio adottate in via d’urgenza. Due prelievi dal fondo di riserva e quattro variazioni compensative: per lavori di somma urgenza conseguenti alle frane di fine novembre, lavoro interinale, convenzione, incarico professionale e polizze assicurative.

Ratificando la delibera di inserimento nella dotazione finanziaria comunale dei fondi statali per l’emergenza alimentare, il consigliere Manuela Bergamasco ha chiesto come mai si sia deciso di togliere alcuni requisiti indicati dalla modulistica predisposta dal Celva. Li riteneva infatti dati fondamentali per l’equità dell’attribuzione. Ha chiesto come mai non sia stata prevista in delibera la possibilità di presentare la domanda anche in fasi successive. Il sindaco ha risposto che si è voluto agire in maniera inclusiva. La misura è stata inizialmente considerata come una tantum ma si monitorerà la situazione per verificare le effettive richieste del territorio. Non condividendo le logiche che hanno ispirato la scelta, l’opposizione si è astenuta, in sede di ratifica.

È stato esaminato e posto in approvazione il Rendiconto dell’esercizio finanziario 2019. Presenta un avanzo di amministrazione disponibile di 1.082.811,82 euro e destinato agli investimenti di 275.164,55 euro. Secondo la consigliere Bergamasco, si palesa un trend di continuo aumento dell’avanzo in disponibilità, del quale ha chiesto conto al sindaco. Acheron ha risposto che il Bilancio armonizzato ha modalità diverse rispetto a quelle precedenti, quindi non si tratta di carenza di programmazione ma di disponibilità che sono destinate a investimenti. La minoranza ha deciso di astenersi. 

Approvata (con il voto contrario della minoranza) la prima variazione al Bilancio di previsione 2020/22 e al relativo Documento unico di programmazione. Pareggia sulla cifra di 1.272.369,39 e non utilizza completamente l’avanzo ma lascia circa 85mila euro per eventuali attività emergenziali. 25mila euro sono stati destinati all’acquisto di Lim per la scuola dell’infanzia (oggetto di contributo regionale), 92mila euro sono destinati per i lavori dell’ex scuola di Trois Villes, 61mila euro saranno utilizzati per interventi sulla sentieristica, 60mila euro per i lavori sulle strade di Morgonaz e Trois Villes per i danni riconosciuti come finanziabili dalla Regione ma non ancora oggetto di contributo, 50mila euro saranno spesi per evitare gli allagamenti nel sottopasso fra via Aosta sotto e la SS26, 60mila euro per il rifacimento dell’I.P. Nella zona del parcheggio cimitero. L’intervento più importante sono i 745mila euro per i lavori sulla strada di accesso a Les Combes.

Il consigliere Bruno Chaussod ha detto che sarebbe stato più opportuno istituire un capitolo dedicato all’emergenza Covid-19, dotandola di risorse importanti e attribuendo alla Commissione l’individuazione delle azioni necessarie. Ha lamentato che si continuino a inserire fondi sulla ex scuola di Trois Villes e sulla sentieristica mentre si fanno slittare al 2021 e 2022 gli interventi sul borgo di Villefranche. Il sindaco ha risposto che è già stata rifatta l’illuminazione ed è stato assegnato un primo lotto di interventi sul borgo di Villefranche mentre, per i restanti, sono in corso le fasi progettuali. In relazione all’emergenza, la situazione è monitorata ma non si dispone di elementi di valutazione necessari alla previsione di stanziamenti. Il consigliere Chaussod ha replicato esprimendo il proprio dissenso.

È stata approvata la sospensione del pagamento del saldo Tari 2019 sino al 30 giugno 2020. 

In chiusura dei lavori, è stato osservato un minuto di silenzio per esprimere il cordoglio del Consiglio rispetto ai decessi dovuti al virus Covid-19. È stata commemorata Elsa Berthod che, per anni ha seguito l’attività del Cento anziani.

© 2020 All rights reserved.