fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Le delibere della Giunta RaVdA del 24 aprile 2020

Sono 13 le delibere adottate dalla Giunta della Regione autonoma Valle d’Aosta nel corso della riunione di venerdì 24 aprile 2020.

Affari europei, politiche del lavoro, inclusione sociale e trasporti

L’Esecutivo ha approvato i primi indirizzi per il riorientamento delle risorse derivanti dai fondi strutturali e di investimento europei, in risposta all’emergenza epidemiologica COVID-19, nell’ambito della politica regionale di sviluppo 2014/20. Il provvedimento contiene primi indirizzi per l’attivazione di tutte le azioni atte a ottimizzare la destinazione delle risorse disponibili nell’ambito dei Programmi operativi FESR e FSE, per far fronte agli effetti negativi della pandemia.

La proposta di aggiornamento è finalizzata a:

  1. adeguare talune categorie di operazione, per tenere conto degli sviluppi degli interventi avviati nella prima parte del ciclo della programmazione 2014-2020, nell’ottica di garantire il pieno conseguimento degli obiettivi e dei risultati attesi del Programma per la crescita intelligente, sostenibile e inclusiva della Regione;
  2.  aggiornare alcuni indicatori di realizzazione e di risultato, anche al fine di recepire i rilievi, formulati dall’Autorità di audit, nell’ambito dell’audit tematico sugli indicatori, svoltosi nel 2019, dal quale è emersa, tra l’altro, la necessità di aggiornare il Piano degli indicatori;
  3.  rimodulare le risorse finanziarie tra gli Assi prioritari 2 e 4 del Programma, riducendo la dotazione finanziaria dell’Asse 4 “Sostenere la transazione verso un’economia a bassa emissione di carbonio in tutti i settori”, per un importo pari a 1 milione 752 mila euro, in quanto alcuni interventi di rilevante importo finanziario non potranno essere realizzati nei termini previsti per l’ammissibilità della spesa, e aumentando di pari importo l’Asse 2 “Migliorare l’accesso alle TIC, nonché l’impiego e la qualità delle medesime”, che ha mostrato un livello di performance soddisfacente e garantisce un maggiore assorbimento della spesa.

In particolare, obiettivi della deliberazione sono:

  • dare mandato alle competenti Strutture di procedere, con urgenza, alla ricognizione dell’ammontare di risorse disponibili nonché all’individuazione dei meccanismi di attuazione più idonei, valorizzando i margini di flessibilità e semplificazione introdotti in via eccezionale;
  • individuare gli ambiti prioritari di intervento cui destinare le risorse che si renderanno disponibili;
  • creare le basi per una corretta interlocuzione con il Governo, in vista della sottoscrizione dell’accordo di cooperazione istituzionale per la riprogrammazione dei Fondi europei, recentemente promosso dal Ministro per il Sud e la coesione territoriale.

L’atto consentirà di mettere a punto una cornice omogenea e unitaria per il riorientamento integrato e sinergico delle risorse FESR e FSE disponibili.

Ambiente, risorse naturali e Corpo forestale

La Giunta regionale ha concesso un contributo alla Fondazione Grand Paradis di Cogne, per l’anno 2020, per un importo di 385 mila euro, quale concorso nelle spese necessarie per il suo funzionamento ordinario.

Istruzione, università, ricerca e politiche giovanili

La Giunta regionale ha approvato il trasferimento alla Fondazione Maria Ida Viglino per la cultura musicale di un acconto del contributo a titolo di concorso al finanziamento delle attività per l’anno 2020, per un importo di 805 mila 912,75 euro, calcolato rapportando al periodo di cinque mesi da gennaio a maggio 2020 l’ammontare del previsto costo sostenuto per l’anno 2019 per il personale, pari a 1 milione 934 mila 190,60 euro.

Opere pubbliche, territorio ed edilizia residenziale pubblica

La Giunta regionale ha approvato un nuovo schema di Convenzione disciplinante le funzioni della stazione unica appaltante per la Regione Valle d’Aosta (SUA VdA) nei contratti di lavori e servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria, che disciplina i rapporti tra la Regione – Stazione Unica Appaltante regionale – e il Consiglio Permanente degli Enti Locali (CPEL).

Turismo, sport, commercio, agricoltura e beni culturali

La Giunta regionale ha stabilito di sdemanializzare e di passare alla categoria dei beni patrimoniali disponibili alcuni documenti bibliografici, sonori e audiovisivi logori o obsoleti del Sistema bibliotecario regionale.

Allegati

Potrebbe interessarti:

© 2020 All rights reserved.