fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Consiglio comunale a Saint-Vincent il 4 maggio 2020

Il Consiglio comunale di Saint-Vincent si è riunito nella serata lunedì 4 maggio 2020.

Dopo aver approvato i verbali della seduta precedente, i consiglieri hanno avviato la discussione sul Bilancio di previsione 2020/22, così come modificato sulla base di accordi trasversali fra maggioranza e minoranza.

Bilancio 2020/22

La consigliere Antonella Lucchese (presidente della Commissione Bilancio) ha proposto di esaminare prima le proposte di emendamento e poi passare all’esame e approvazione del Bilancio.

Il primo emendamento concerne lo stralcio degli investimenti, annunciato nel corso della seduta del 24 aprile.

Il secondo emendamento riguarda l’istituzione di un fondo emergenza Covid. In proposito, il consigliere Maurizio Castiglioni ha suggerito di dar corso celermente alla stesura di un Regolamento che consenta il suo utilizzo, dando risposte puntuali a nuclei familiari particolarmente colpiti dalla crisi.

Il terzo emendamento autorizza l’ente a contabilizzare in Bilancio i fondi ricevuti dallo Stato: 15.984,39 euro per la sanificazione e disinfezione uffici e ambienti e 1.570,91 uro per le prestazioni straordinarie del personale di Polizia locale e l’acquisto di Dpi.

Si è dunque passati alla discussione sull’intero documento finanziario.

Si procederà con la ratifica di una delibera adottata dalla Giunta in via d’urgenza il 3 aprile 2020.

In approvazione la nota di aggiornamento al documento unico di programmazione 2020/22. La consigliere Lucchese ha ricordato che, sul documento, è stato trovato un accordo fra maggioranza e minoranza in Commissione.

È seguito l’intervento del revisore dei conti. Sia dal punto di vista delle entrate, sia delle spese, questo Bilancio dovrà essere immediatamente riesaminato e, nell’esercizio 2020, dovranno essere tenuti sotto controllo gli equilibri di Bilancio, ha detto. In relazione agli emendamenti, il suo parere tecnico è favorevole. In relazione al primo emendamenti, ha ricordato all’Amministrazione che, per quasi tutti gli interventi che si prevedeva di togliere dal Bilancio, sono state sostenute spese e impegnate risorse per 83.352 euro, oltre alle spese del personale. Sono inoltre stati deliberati contributi da Enti pubblici ed Enti privati. Quindi ha suggerito di riesaminare gli investimenti in base a come si evolverà il Bilancio o di motivare bene l’eventuale eliminazione definitiva, che comporterebbe uno spreco di risorse, dunque un danno erariale.

La consigliere Giacinta Merlin ha sostenuto che il primo emendamento è stato frutto di scelte improvvide della maggioranza, che non ha tenuto conto di non avere i numero necessari all’approvazione di quegli interventi.

L’assessore Paolo Rollandin le ha risposto che, dopo l’approvazione del Rendiconto, in sede di variazione di Bilancio, i ragionamenti potranno essere compiutamente ripresi.

Il consigliere Ruggero Meneghetti ha ricordato che, in un’Amministrazione, le scelte devono essere sostenute dai numeri. Sulle motivazioni delle scelte contenuto dal primo emendamento non è stato trovato un accordo, in Commissione, dunque il testo è stato frutto di una scelta sulla sostanza della decisione. «Se sono stati spesi dei soldi (quasi 30mila euro sulla palestrina prima ancora di chiedere al Consiglio se concordava sull’opera) ce ne dispiacciamo – ha detto – ma le cose non possono continuare ad andare in questo modo e il Consiglio deve essere sovrano». Dunque gli investimenti non sono stati rimossi per un fatto tecnico ma per uno politico-amministrativo. Ha concluso: «Altre parti del Bilancio non ci soddisfano (tra queste l’imposizione fiscale e l’Imu) ma c’è l’impegno a tornare a parlarne in Commissione», tenendo conto del fatto che il contesto di riferimento è stato sovvertito dall’emergenza sanitaria.

L’assessore Rollandin ha detto che c’è un accordo di massima sull’intervento di riduzione fiscale, da approfondirsi in sede di predisposizione della variazione al Bilancio.

Il primo emendamento è stato approvato con l’astensione dei consiglieri Francesco Favre, Marco Maresca e Lucia Riva.

Il secondo e il terzo emendamento sono stati approvati con l’astensione della consigliere Riva.

In sede di dichiarazione di voto per il documento complessivo, il consigliere Meneghetti ha precisato (per il grippo Union valdôtaine-Stella alpina, che questo non è comunque il Bilancio che avrebbero voluto. Per questo hanno consentito al Bilancio di essere approvato senza condividerlo. «Il Bilancio da condividere è ancora da scrivere, dunque ci asteniamo».
La consigliere Riva ha annunciato la propria astensione ricordando al sindaco che la sua decisione di dimettersi da assessore e lasciare la maggioranza era stata dettata dalla mancanza di lungimiranza politica del sindaco e della Giunta: «Oggi il Comune è in difficoltà non per la pandemia ma per mancanza di programmazione da parte di un’Amministrazione assente, che subisce gli avvenimenti e che agisce ponendo toppe, senza peraltro avere il coraggio di dimettersi anche se una maggioranza non esiste più da oltre sei mesi». Nulla di strutturale e oggettivamente incisivo contro la pandemia, ha concluso.
«Subiamo la maggioranza numerica», si è limitato a commentare il sindaco, Mario Borgio.
Il consigliere Maurizio Castiglioni ha affermato che permangono sensibilità e visioni diverse rispetto a ciò che è stato ma lo sforzo dell’Amministrazione ora deve essere volto a fronteggiare la situazione che si è venuta a creare. Ha annunciato il voto di astensione proprio e dei consiglieri Francesco Favre, Stefano Lovato e Valerio Negro.

Dunque il Bilancio è stato approvato con gli otto voti favorevoli della ex maggioranza (o della maggioranza relativa, come la definisce il presidente del Consiglio Paolo Ciambi).

Ratifica deliberazione di variazione d’urgenza al Bilancio

Il sindaco Borgio ha spiegato che si tratta della presa in carico di quanto stanziato dallo Stato per l’acquisto dei buoni alimentari, per un importo di 24.291 euro.

Alla luce dell’approvazione del secondo emendamento al Bilancio, la ratifica è stata trasformata in presa d’atto.

La consigliere Riva si è detta perplessa rispetto al modus operandi. La revisore ha spiegato che si è agito nel pieno rispetto del Testo unico degli enti locali.

Nota di aggiornamento al Dup

La consigliere Lucchese ha precisato che anche questo Documento unico di programmazione sarà aggiornato parallelamente al Bilancio.

Per le modifiche interne, è stato dato il medesimo esito di votazione precedentemente avuto per i tre emendamenti al Bilancio.

Il documento complessivo è stato approvato con gli otto voti della ex maggioranza e l’astensione degli altri nove consiglieri.

Debito fuori Bilancio

In chiusura, è stata nuovamente affrontata la questione del riconoscimento di un debito fuori Bilancio relativo a bollette di energia e gas dell’anno 2019.

Come già nello scorso Consiglio e per le medesime motivazioni, il consigliere Meneghetti ha posto la questione pregiudiziale: «Esiste una delibera esecutiva pubblicata il 19 febbraio e il Regolamento del Consiglio consente di agire su delibere già adottate, in autotutela, solo se vi sono elementi di novità e non ve ne sono, poiché il parere della Corte dei Conti ribadisce le procedure già note». Ha chiesto la votazione del ritiro del punto.

L’assessore Rollandin ha risposto che la Corte dei Conti ha ben precisato che la spese di consumo sono sempre presuntive ed è normale siano fatte variazioni. Ma Meneghetti ha richiamato il presidente del Consiglio al fatto che una questione pregiudiziale non può essere discussa. Potrebbero esserci danni a carico dell’ente, ha aggiunto Rollandin e Meneghetti ha chiesto che non fossero messe in atto azioni intimidatorie nei confronti dei consiglieri. Il presidente Ciambi ha letto il Regolamento, che autorizza il dibattito con un rappresentante per ogni gruppo per un massimo di cinque minuti. Rollandin ha concluso sostenendo che gli sembrava assurdo mettere in difficoltà gli uffici per una questione priva di fondamento.

La questione pregiudiziale è stata approvata con nove voti favorevoli.

Potrebbe interessarti:

© 2020 All rights reserved.