fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Critiche trasversali a Giunta e Usl sulla Fase-2

In un Consiglio Valle sciolto e senza maggioranza, i partiti politici e i gruppi consiliari trovano convergenze sulle singole tematiche. Ecco dunque i gruppi Lega Vallée d’Aoste, Mouv’, VdALibra, Stella alpina, M5S e i consiglieri Jean Barocco e Claudio Restano firmare una nota congiunta per affermare che cresce la loro preoccupazione sulla situazione sanitaria e le sue ricadute sociali.

Vista la proposta di gestione della Fase 2 messa sul tavolo dai vertici aziendali dell’Azienda USL e le contestuali critiche di molte organizzazioni sindacali dei sanitari, unite alla richiesta di essere consultati e ascoltati,  intendono porre l’attenzione su alcuni aspetti che ritengono importanti.

«Innanzitutto, non è concepibile che la direzione strategica dell’Azienda Usl sia stata poco collaborativa e addirittura superficiale, così come non è concepibile che la Giunta regionale debba essere sollecitata per consultare la base e si accontenti delle dichiarazioni autoreferenziali dei vertici Usl», scrivono.

Sostengono che, ora, «nel primario interesse del popolo valdostano», non si possa «osservare in silenzio un’azione dei vertici aziendali Usl e della Giunta regionale che sta andando nella stessa direzione di prima, ancora senza consultare chi è in prima linea e senza la necessaria attenzione per la situazione di difficoltà di un settore cardine contro la terribile pandemia».

Concludono: «Ci pare assurdo, sia per ragioni di opportunità politica che tecnica che oggi ci si presenti un piano per la Fase 2, come l’unico percorribile e che, di fatto, si ipotechi la progettazione della sanità valdostana anche nel medio e lungo periodo, in quanto esso coinvolge tutte le strutture sanitarie esistenti e anche una che nemmeno è di proprietà della Regione o, quantomeno, nella sua piena disponibilità. Ci pare, ancora una volta, un’azione affrettata, approssimativa e ideata senza i necessari approfondimenti con i portatori di interesse, innanzitutto gli operatori del settore e quindi, medici e professionisti della sanità tutti».

Potrebbe interessarti:

© 2020 All rights reserved.