fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Lanièce: per ora sto con Conte per dare risposte alla VdA

Videointervista con Albert Lanièce, senatore della Valle d’Aosta.

L’audizione con la II Commissione del Consiglio Valle di lunedì 4 maggio 2020, il lavoro a Roma, le trattative in corso con il Governo centrale, la necessità di comunicare di meno e solo con i fatti.

L’audizione con il ministro Franceschini

Nel corso della videointervista, il senatore fa riferimento all’audizione nella decima Commissione, martedì 5 maggio 2020, con il ministro Franceschini, al quale il Gruppo per le Autonomie ha ribadito le proprie richieste per il settore turistico, che resta tra i più danneggiati dall’emergenza Covid-19 e bisognoso di sostegno.

«Bisogna sospendere qualsiasi forma di adempimento tributario, i versamenti dei contributi previdenziali, le assicurazioni e ogni forma di contenzioso con il fisco. Allo stesso tempo vanno sostenute quelle imprese che operano in regime di locazione e salvaguardati i lavoratori stagionali che hanno esaurito la durata della NASpI, anche attraverso l’introduzione di incentivi fiscali per quelle imprese che procederanno con la loro riassunzione. Ed è importante anche una proroga sugli adempimenti relativi alla messa in sicurezza delle strutture, a cominciare da quelle anti-incendio, perché è evidente che oggi le imprese non hanno quella disponibilità economica per farvi fronte. Così come occorre sostenere le imprese che presentavano problemi dal punto di vista creditizio, perché sono quelle in maggiori difficoltà» ha detto il senatore.

Con il ministro, si è parlato anche della prossima stagione: seconda Lanièce, bene la proposta di un bonus vacanze per le famiglie italiane ma occorre portare avanti anche il progetto europeo dei passaporti salva-vacanze per garantire un minimo di mobilità tra i paesi europei, tema essenziale per un territorio di confine come il nostro.

«Il turismo è un settore centrale dell’economia della nostra regione – conclude Lanièce –, merita grande attenzione e sostegno, a cominciare da un piano di regole certe per favorire la riapertura delle strutture e di tutte quelle attività che ruotano attorno al mercato turistico».

© 2020 All rights reserved.