fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

83 lavoratori dello spettacolo chiedono aiuto per superare la crisi

83 lavoratori dello spettacolo (attori, registi, cantanti e musicisti ma anche impresari e tecnici del suono e delle luci) hanno scritto una lettera aperta alle istituzioni valdostane, preoccupati per il loro futuro professionale perché «Siamo stati tra i primi a doversi fermare in seguito al DPCM della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 4 marzo 2020. Saremo probabilmente anche gli ultimi a poter riprendere le nostre attività».

La lettera spiega che, «Come è accaduto per altre categorie, il nostro fatturato si è di fatto azzerato, ma molti di noi continuano ad avere delle spese importanti da sostenere».

In considerazione del fatto che, nei prossimi mesi, gli assembramenti di persone saranno da evitare per scongiurare una seconda ondata di contagi da Covid-19, «le agenzie e gli organizzatori di eventi prevedono una ripresa effettiva dei lavori non prima della primavera 2021».

La convinzione degli scriventi è che «la nostra categoria contribuisca in modo sostanziale allo sviluppo socio-culturale e all’indotto e crescita turistica, e che il nostro lavoro sia uno tra i principali veicoli di promozione del territorio: concerti, festival, spettacoli teatrali o di danza, feste popolari e tradizionali sono uno dei biglietti da visita della nostra regione e uno strumento di crescita culturale ed economica di cui beneficiano diversi altri settori produttivi e, di fatto, l’intera collettività».

Ciò nonostante sono una categoria non rappresentata e non tutelata e chiedono che non ci si dimentichi di loro: «prendiamo atto che alcune misure sono state prese (a livello nazionale e regionale), ma riteniamo non siano sufficienti, a causa dell’estensione di periodo di crisi che ci riguarderà in maniera più forte rispetto a molte altre categorie. Senza un aiuto da parte delle istituzioni, rischiamo concretamente di non riuscire a superare questa fase di stallo economico».

Potrebbe interessarti:

© 2020 All rights reserved.