fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

La Lega diserta i lavori del gruppo per la legge sanitaria

Martedì 12 maggio 2020, si è riunito, per la prima volta, il gruppo di lavoro costituito in seno alla V Commissione del Consiglio Valle per lavorare alla legge sanitaria, al quale può partecipare un rappresentante per gruppo consiliare.

Alla riunione hanno partecipato i consiglieri Bertin, Marzi, Peinetti, Pulz e Russo, con la presidente Morelli.

Pochi gruppi politici hanno inviato proposte.

«Noi non risparmiamo certo critiche a questo Governo per come ha gestito l’emergenza – ha commentato la consigliere Daria Pulz, di AduVdA –, ma non facciamo mancare il nostro apporto nel momento in cui si deve lavorare a una legge che deve facilitarne l’uscita. Abbiamo sentito il preciso dovere di presentare tutte le proposte del caso, dopo un ampio confronto con i sanitari del nostro gruppo».

E critica il comportamento di quelle che definisce le «nuove destre», che ritiene ossessionate «dal solo obiettivo di sostituirsi al più presto a questa maggioranza» nella «autoconvinzione di poter fare meglio una volta tornati al potere, come se quei sei mesi di esordio della XV tristissima Legislatura non ci avessero resi abbastanza edotti dei metodi di governo che hanno scopiazzato dai loro predecessori».

Il capogruppo di Lega Vallée d’Aoste, Andrea Manfrin, le risponde: «Noi abbiamo formulato più volte le nostre proposte, che non sono state ascoltate. Posso fare l’esempio dell’impegno – approvato dal Consiglio Valle il 17 aprile 2020 – a organizzate le conferenze stampa sul Covid-19 trasmettendone i contenuti anche nel linguaggio dei segni, affinché i messaggi possano arrivare anche i non udenti. Invece anche le conferenze stampa successive sono state fatte senza interprete e indossando la mascherina, ciò che non consente neppure la lettura delle labbra. Dunque leggeremo il testo che emergerà dal lavoro del gruppo e faremo le nostre valutazioni».

© 2020 All rights reserved.