fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

13 consigli prima di tornare in montagna

Il Centro di Medicina di Montagna dell’ospedale Parini di Aosta, in collaborazione con la Fondazione Montagna Sicura, ha pubblicato un opuscolo informativo dal titolo Consigli per tornare in montagna nella fase 2 della pandemia Covid-19.

L’opuscolo contiene una serie di semplici raccomandazioni per chi torna a frequentare gli ambienti montani: giovani e anziani, sani o affetti da patologie croniche.

«Finalmente possiamo uscire di casa e tornare alle nostre amate montagne – scrive nella prefazione il Guido Giardini, responsabile del Centro di Medicina di Montagna dell’Ausl Valle d’Aosta e presidente della Fondazione Montagna Sicura – ma ci sono molti rischi, per nulla trascurabili. Il possibile contagio non è affatto improbabile, vanno mantenute scrupolosamente le misure e i dispositivi consigliati. Gli ospedali sono ancora sotto scacco e il personale sanitario che ha curato le polmoniti virali ieri è lo stesso che compone le squadre del soccorso alpino. Evitiamo di impegnarlo in inutili interventi».

Nell’opuscolo si trovano informazioni di carattere generale sulla montagna, che in questi due mesi di minima frequentazione umana è cambiata e vi sono consigli utili per la frequentazione degli ambienti in quota.

Sono inoltre riportate indicazioni sull’intensità dello sforzo e dell’impegno fisico, sulla frequenza cardiaca ideale da mantenere durante la progressione, cosa fare in caso di febbre o sintomi da infezione alle vie respiratorie, per chi è portatore di patologie croniche e per chi è reduce da una polmonite da Covid-19.

«Siamo stati fermi a lungo, dobbiamo quindi riprendere l’anelata attività sportiva in montagna senza fare sforzi eccessivi ed inutili – conclude Giardini. Ricominciamo a passo lento, che da sempre è il passo dei montanari. La montagna è di tutti ma dobbiamo tornare ad essa con il buon senso».

Allegati

© 2020 All rights reserved.