fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Consiglio comunale ad Aosta il 22 maggio 2020

Il Consiglio comunale di Aosta è convocato dalle ore 9 di venerdì 22 maggio 2020, per discutere un ordine del giorno in sei punti: quattro mozioni e un ordine del giorno.

I lavori si apriranno con una mozione che intende impegnare il sindaco a predisporre un piano di riorganizzazione degli uffici comunali che includa lo smart working e a sollecitare i dirigenti a fornire i dati richiesti ai consiglieri, affinché possano avolgere la loro azione.

La seconda mozione impegnerebbe – se approvata – il sindaco a riferire al Consiglio se vi saranno rallentamenti e quali saranno, a causa dell’emergenza coronavirus, nell’avanzamento di una serie di progetti: la realizzazione del collegamento viario su via Elter, la riqualificazione di piazza Giovanni XXIII°, il rifacimento della pista di atletica del Tesolin, la realizzazione dello Skate park, l’indizione del bando di gara per il servizio di igiene urbana e la definizione degli atti propedeutici a quello sull’illuminazione pubblica, i lavori per la sperimentazione della pedonalizzazione dell’Arco d’Augusto, la realizzazione del piano Aosta in bicicletta.

La terza mozione vuole impegnare il sindaco e la Giunta a prevedere, nell’ambito delle misure anti Covid-19, l’esenzione totale e parziale, a seconda dei casi, del pagamento dell’imposta di pubblicità e a rivedere le proprie intenzioni riguardo l’abolizione della tassa di soggiorno, mantenendola.

La quarta mozione è finalizzata a valutare la possibilità di intervenire, in attesa dello sviluppo della rete ciclabile, in maniera anche provvisoria per destinare tratti di strada in maniera preferenziale alle biciclette; a dare concretezza al progetto Boudza-té; a sollecitare la Regione affinché favorisca un riordino dei trasporti pubblici, soprattutto in quelle corse degli orari di punta che non potranno più essere superaffollate; a prevedere un maggiore utilizzo delle bici, tradizionali o elettriche, per i dipendenti comunali durante lo svolgimento delle proprie mansioni lavorative, compreso quello delle pattuglie della Polizia Locale che operano nel centro città. La mozione era anche finalizzata alla riapertura della pista ciclo-pedonale lungo la Dora, cosa già avvenuta.

Il primo ordine del giorno riguarda l’utilizzo delle risorse finanziarie mentre il secondo chiede ai consiglieri di rinunciare al compenso, dal 1° maggio sino alla fine dell’emergenza, e destinare tale somma al sevizio spesa dell’Assessorato politiche sociali; in alternativa a destinare i compensi al banco alimentare o a quelle associazioni che si occupano della spesa per le famiglie in stato di bisogno.

Potrebbe interessarti:

© 2020 All rights reserved.