fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Oltre 8mila mascherine fasulle sequestrate dalla Guardia di Finanza

Durante l’emergenza epidemiologica, i militari del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria hanno intensificato i controlli, in tutta la Valle d’Aosta, nei confronti di soggetti economici che hanno messo in vendita mascherine chirurgiche, dispositivi di protezione individuali e/o semplici mascherine filtranti, al fine di verificare il rispetto della normativa in materia di sicurezza prodotti e contrastare fenomeni speculativi generati dall’elevata domanda presente sul mercato. 

Occorreva vigilare affinché non fossero distribuiti alla collettività dispositivi privi dei requisiti generali di sicurezza. Vi era infatti il pericolo che si riversassero nel territorio mascherine “simil chirurgiche”: imitazioni dell’originale ma assemblate con tessuti privi della reale capacità filtrante, tale da garantire la sicurezza di chi le indossa.

L’attività ha interessato complessivamente 36 soggetti portando alla contestazione di 30 violazioni al Codice del Consumo (per un importo massimo di € 700.000) e al sequestro amministrativo di 8.678 mascherine per un valore di mercato di oltre 33mila Euro

Nel corso delle attività, sono stati segnalati all’Autorità Giudiziaria quattro soggetti per i reati di frode in commercio, frode nelle pubbliche forniture e immissione in commercio di prodotti privi della marcatura CE, nonché sottoposto a sequestro, 6.500 mascherine importate dalla Cina prive di qualsiasi idonea certificazione, destinate anche alla vendita a studi medici e pubbliche amministrazioni. 

mascherina-chirrgica-safulla
Una fr ale confezioni di mascherine fasulle sequestrate dalla Guarda di Finanza durante la pandemia

© 2020 All rights reserved.