fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Ai domiciliari, spacciava hashish da casa

Nel tardo pomeriggio di venerdì 12 giugno, la Polizia di Stato ha arrestato Claudiu Padure, cittadino romeno, già in regime di arresti domiciliari, per detenzione a fini di spaccio di hashish.

Gli operatori della Sezione Narcotici della Squadra Mobile hanno ricevuto notizia che il ragazzo, 21 anni, deteneva un notevole quantitativo di sostanza stupefacente a fini di spaccio all’interno della propria abitazione, ove era sottoposto al regime degli arresti domiciliari.

Padure è una vecchia conoscenza degli investigatori, in quanto era stato arrestato, nella primavera del 2018, nell’ambito dell’indagine denominata Quei bravi ragazzi, condotta dalla Squadra Mobile di Aosta, attività che aveva permesso di smantellare una fiorente attività di spaccio posta in essere da diversi pusher locali, alcuni dei quali incensurati, tutti arrestati.

Gli operatori hanno effettuato un controllo domiciliare, finalizzato alla verifica del rispetto della misura cautelare.

Nell’abitazione, gli investigatori hanno avvertito il forte odore tipico dell’hashish e hanno proceduto alla perquisizione personale del soggetto, estesa poi al domicilio. All’esito dell’attività, sono stati rinvenuti circa 150 gr di hashish, nella tasca del giubbotto del ragazzo.

Lo stupefacente è stato sequestrato e Padure è stato condotto in Questura, per sottoporlo ad arresto, ove ha trascorso la notte in attesa del giudizio di convalida. 

© 2020 All rights reserved.