fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Assemblea degli enti locali il 19 giugno 2020

Il parere sul disegno di legge regionale n. 60, relativo all’assestamento del bilancio di previsione della Regione autonoma Valle d’Aosta per l’anno 2020 e alle misure urgenti per contrastare gli effetti dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, ha aperto l’Assemblea del Consiglio permanente degli enti locali, venerdì 19 giugno 2020.

Introducendo i lavori, il presidente del Cpel, Franco Manes, ha detto: «Il disegno di legge 60 si pone in coerenza con altri provvedimenti regionali: importanti risorse finanziarie da riversare sui territori, per sopperire al momento di crisi della nostra regione a seguito dell’emergenza sanitaria.Questa è la logica con la quale le tre consulte si sono riunite negli scorsi giorni per analizzare il documento». 

Speranza Girod, responsabile politico della Consulta Finanza locale e tributi, ha spiegato: «In un assestamento di bilancio che vale più di 176 milioni di euro, questa è una misura importante perché le risorse di finanza locale per il 2020 sono incrementate di 44.801.571,27 euro, di cui 38.435.992,45 euro per trasferimenti senza vincolo settoriale di destinazione e di 6.365.578,82 per trasferimenti con vincolo di destinazione. Per i trasferimenti senza vincolo – ha aggiunto – vi sono più di 16 milioni di euro per le spese correnti e anche a compensazione, anche parziale, delle minori entrate tributarie ed extratributarie che registreremo nel 2020 sui nostri bilanci comunali per l’emergenza Covid-19. Inoltre, 22.200.000 euro potranno essere utilizzati per realizzare lavori pubblici, inclusi interventi di edilizia scolastica, pari a 300 mila euro per ciascun Comune, con l’obbligo di comunicare, entro il 31 agosto prossimo, alla struttura regionale competente, l’elenco degli investimenti da realizzare».

Giulio Grosjacques, responsabile politico della consulta Affari generali e pubblico impiego, ha poi proseguito con la disanima del documento: «Stiamo ragionando di un provvedimento straordinario in un momento straordinario. La semplificazione di cui si fa portavoce il disegno di legge, senza andare a stravolgere le procedure, sta a significare che i Comuni possono utilizzare procedure negoziate per valorizzare l’imprenditoria locale, attraverso l’albo delle imprese gestito dalla SUA, e dando anche seguito alle puntuali richieste dei Sindaci in merito».

A conclusione del dibattito, il presidente Manes ha poi sottolineato: «Le nostre preoccupazioni sono di pubblico dominio, un fatto importante perché è cruciale mantenere alta l’attenzione nei confronti delle risorse per il territorio. Il disegno di legge riversa sul territorio delle risorse che non sono da considerarsi degli enti locali, ma dei valdostani, delle nostre imprese e delle attività produttive per far ripartire l’economia, così come le risorse dell’extra-gettito dovranno essere in parte riversate sui cittadini, in modo da abbattere, nel limite dei disposti di legge, il peso dei tributi locali. Consideriamo il Comune come il corretto garante, nei rispettivi territori, del massimo sforzo per far ripartire l’economia. Oggi ci esprimiamo su un testo di legge che è in esame alla Commissione consiliare competente, e ci auguriamo tutti che rimanga tale, non c’è più il tempo di discutere. A questo proposito, confido sull’assunzione totale di responsabilità da parte del Consiglio regionale». 

Il voto espresso dall’Assemblea è stato favorevole, a maggioranza (contrario il sindaco di Morgex, Lorenzo Graziola).

Successivamente è stato approvato, con voto unanime, il Protocollo d’intesa finalizzato alla definizione della co-progettazione e compartecipazione economica della Cittadella dei giovani di Aosta. Al finanziamento della struttura il Cpel contribuisce, per il tramite del Celva, con 25 mila euro.

© 2020 All rights reserved.