fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

GiocAosta 2020

La 12a edizione di giocAosta prende vita dal 6 al 9 agosto 2020: la proposta è di un evento reinventato negli spazi e nelle modalità di fruizione, che però non rinuncia a un respiro ampio e all’idea di essere luogo di incontro e di scoperta.

Il cuore dell’iniziativa, in piazza Chanoux, è ancora una volta la più grande ludoteca d’Italia in prestito gratuito: sono infatti più di 1.500 i giochi in scatola protagonisti di uno spazio di gioco allestito su più di 200 tavoli distribuiti tra i portici di piazza Chanoux, quelli di via Xavier de Maistre e le strutture predisposte in piazza Narbonne e (per la prima volta) nell’area spettacoli del Teatro romano.

Aosta, piazza Chanoux – 6/9 agosto 2020

A fianco della ludoteca, giocAosta propone molti spazi fissi capaci di coinvolgere un pubblico molto eterogeneo, dall’escape room di via Xavier de Maistre (già esaurita) ai giochi investigativi, dai tornitori allo spazio per i più piccoli nelle giornate di sabato e domenica. Il programma con oltre 100 appuntamenti speciali affianca classici come la caccia al tesoro notturna (limitata nelle partecipazioni, a fronte dei 1.200 iscritti nel 2019) e le gare di parole crociate, i tornei e il Climate challenge, il gioco interattivo diffuso in città e il giro d’Italia di Ciclotappo.

Nuovi spazi e l’esordio di Locus

Il tema dell’edizione nasce da un gioco intorno al numero XII, immediatamente diventato mezzogiorno: mezzogiorno di fuoco, anzi, di gioco. È così che gli spazi si popolano di pistoleri e sceriffi, di cactus e di banditi che al posto della bandana hanno la mascherina.
Tante le novità degli spazi: la più rilevante è quella del padiglione allestito nell’area spettacoli del Teatro romano. Ma nuovi spazi vengono messi in gioco, grazie a una collaborazione di rete sempre più ampia: gli orti di Sant’Orso e la Collegiata, il Museo archeologico e l’Area megalitica, la cantina dell’Institut Agricole Régional e la Torre dei Balivi. E ancora: il CSV e la saletta Finaosta, il Duca d’Aosta e il teatro Giacosa, la Cittadella dei giovani e la Porta decumana, il Criptoportico forense e la Villa della Consolata, fino alla Scatola e alla Stanza delle Storie nel Quartiere Cogne.

Tanti volontari

Il motore di giocAosta è costituito dai 250 volontari provenienti da otto diverse regioni italiane, che scelgono di donare gratuitamente le proprie energie a un progetto collettivo, coordinato dall’associazione Aosta Iacta Est e costruito grazie al lavoro di 22 diversi gruppi.

Info pratiche

La manifestazione si svolge in diversi spazi del centro storico di Aosta, a partire anzitutto da piazza Chanoux dove sono allestiti il punto informazioni e dove prende vita la ludoteca. Gli orari di apertura sono: giovedì dalle 18 alle 24, venerdì e sabato dalle 10 alle 24, domenica dalle 10 alle 18.
La partecipazione agli spazi fissi è gratuita. Alcuni eventi hanno una quota di iscrizione, utile a coprire parte dei costi organizzativi degli eventi stessi.

In tutte le aree di attività sarà richiesto l’utilizzo della mascherina.

Giocare dappertutto

L’Assessorato Affari europei, Politiche del lavoro, Inclusione sociale e Trasporti della Regione autonoma Valle d’Aosta, per il tramite del Centro Europe Direct Vallée d’Aoste, ha partecipato alla manifestazione GiocAosta.

Il Centro è stato e sarà presente, in particolare, in alcuni dei momenti di gioco itinerante, denominati Giocare dappertutto, che si svolgeranno in località interessate da Progetti cofinanziati dall’Unione europea. Sarà l’occasione per raccontare, attraverso l’incontro tra il gioco e il territorio, le tante tracce degli interventi europei in Valle d’Aosta.

Guidati dallo slogan L’Europa è qui! questi gli appuntamenti:

  • venerdì 24 luglio, alle ore 18, nei vigneti dell’Institut Agricole Régional di Aosta, una delle realtà più importanti del mondo agricolo valdostano, che contribuisce alla conservazione del patrimonio agricolo regionale, anche grazie al supporto del Programma di Sviluppo rurale;
  • sabato 25 luglio, alle ore 10, nei meleti dell’azienda agricola di Élodie e Michel, a Gressan, ristrutturata con i contributi del Programma di Sviluppo rurale destinati ai giovani agricoltori;
  • lunedì 27 luglio, alle ore 18, alla Fondazione Ollignan di Quart, dove grazie al sostegno del Fondo sociale europeo si favorisce la piena inclusione sociale delle persone con disabilità, attraverso il coinvolgimento nel mondo del lavoro;
  • mercoledì 29 luglio, alle ore 10, al Giardino botanico alpino Paradisia di Cogne, nel cuore del Parco nazionale del Gran Paradiso, dove si è intervenuti con il Progetto Jardinalp, finanziato da Interreg Italia-Francia Alcotra, che ha permesso di dotare il Giardino di un nuovo centro di accoglienza e ha migliorato il percorso di visita;
  • venerdì 7 luglio, dalle ore 15, nella cantina sperimentale dell’Institut Agricole Régional di Aosta, realizzata grazie al contributo del Programma di Sviluppo rurale;
  • domenica 9 agosto, alle ore 11 e alle ore 15, al Teatro romano di Aosta, uno fra i capolavori dell’architettura provinciale dell’impero romano e che rientra nel percorso archeologico Aosta est, finanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale, così da rendere più gradevole e arricchente l’esperienza dei visitatori.

Un richiamo all’Europa sarà presente anche nella grande ludoteca allestita in piazza Chanoux, ad Aosta: vi sarà uno spazio dedicato alla ricerca e gestito direttamente dai ricercatori. Sarà possibile conoscere le attività dell’Osservatorio astronomico di Saint-Barthélemy, coinvolto nel Progetto Interreg Alcotra Italia Francia “EXO/ECO”, in partnership con l’Osservatorio astronomico di Saint-Michel, in Provenza, e quelle del Progetto 5000 genomi per la Valle d’Aosta, dedicato alla medicina e finanziato dal Fondo sociale europeo e dal Fondo europeo di sviluppo regionale.

© 2020 All rights reserved.