fbpx
Inserisci una parola e premi cerca

Consiglio comunale a Fénis il 31 luglio 2020

Il Consiglio comunale di Fénis si è riunito il 31 luglio 2020 e il sindaco ha, in apertura, ringraziato i colleghi di Giunta e Consiglio per l’armonia che ha regnato nei cinque anni di consiliatura. Ciò che si è potuto fare, ha detto, lo si è fatto perché si è lavorato in squadra.

Dopo aver letto e approvato i verbali della seduta precedente, i consiglieri hanno approvato le modifiche al Regolamento sull’Imposta di soggiorno. Grazie alla nuova piattaforma informatica, il lavoro degli uffici sarà semplificato. 

Approvato anche il Regolamento per l’applicazione dell’Imposta municipale propria. Oltre al 20% di volumetria residua, il precedente Regolamento prevedeva che i volumi fossero soggetti a Imu, Con la modifica, le aree pertinenziali accorpate al fabbricato saranno esenti. L’assessore al Bilancio ha anche spiegato che l’aliquota sarà invariata rispetto al 2019 (7,86 per mille). È stato inoltre deciso che gli immobili accatastati come C2 e C6 vedranno l’aliquota ridotta al 4,6 per mille.

Approvata la convenzione per la gestione del percorso ciclo-pedonale dell’Unité des Communes valdôtaines du Mont-Émilius.

È stata votata all’unanimità la terza variazione al Bilancio di previsione 2020/22 e al relativo Documento unico di programmazione. La variazione pareggia sulla somma di 530.464,90 euro.

42mila euro sono stati destinati alla qualificazione di due parchi giochi: Tsanté dee Buova e Miserègne. Resta un milione di euro di avanzo d’amministrazione, che sarà destinato dalla prossima amministrazione. Se lo riterrà, sulla base di indicazioni e progettazioni esistenti. Dal 2015 al 2020, il debito medio è sceso da 650 a 400 euro e il tasso medio di indebitamente è passato dal 5 al 2,1%. 

È stato distribuito ai consiglieri l’elenco degli investimenti effettuati nel corso del mandato e delle opere in corso di realizzazione.

I lavori si sono conclusi con la presa d’atto del recesso deliberato dal Consiglio Comunale di Nus dalla convenzione quadro per l’esercizio in forma associata delle funzioni e dei servizi comunali da svolgere in ambito territoriale sovracomunale mediante costituzione di uffici unici associati. Il Comune di Fénis adotterà l’atto di indirizzo di conferma della volontà di proseguire l’associazione d’ambito con il Comune di Saint-Marcel.

Il Consiglio ha preso atto per permanere degli equilibri di Bilancio.

Al termine, è stata conferita la cittadinanza onoraria a Piergiorgio Betti, veterano della Resistenza e giornalista de L’Unità per decenni. È il collegamento con quello che è successo in un tempo che le persone presenti nella sala consiliare non hanno vissuto in prima persona, ha detto il sindaco. Le generazioni che verranno non avranno più un collegamento diretto con i protagonisti di quelle vicende. Sarà compito degli adulti di oggi fare in modo che i giovani non perdano questo ricordo, affinché quei momenti non abbiano a tornare. 

Piergiorgio Betti ha detto di aver cercato di raccontare ciò che accadde: «Se oggi godiamo di una democrazia, seppure imperfetta, lo dobbiamo molto alla Resistenza. Mi viene reso un grande onore facendomi diventare cittadino di Fénis. Significa entrare a far parte di una comunità che ha dato prove straordinarie nella lotta antifascista. Della Resistenza si è scritto molto ma spesso dando spazio al mito e poco alla realtà di ciò che, nei piccoli paesi, accadde. Mi piacerebbe tornare, dopo le elezioni, per rispondere alle domande di tutti coloro che vorranno chiedermi ciò che successe».

Potrebbe interessarti:

© 2020 All rights reserved.